"Rsa Fossone: cantieri mai partiti"

"Rsa Fossone: cantieri mai partiti"
"Rsa Fossone: cantieri mai partiti"

A quasi un mese dal sopralluogo alla Rsa di Fossone dell’onorevole Alessandro Amorese e del consigliere comunale di Fratelli d’Italia Massimiliano Manuel, il consigliere Manuel torna sulla questione per dire che i lavori non sono ancora iniziati. Il tema della Rsa di Fossone è aperto ormai da anni, con i carraresi in attesa di sviluppi concreti, dopo le rassicurazioni da parte dell’Asl. "Dopo le rassicuranti dei vertici Asl in consiglio comunale alla presenza dell’assessore regionale alla sanità Simone Bezzini – scrive Manuel – voglio segnalare a cittadini e amministrazione che non solo i lavori nella Rsa non sono partiti, ma che noi di FdI non accettiamo che tutta una città venga così spudoratamente ingannata".

"Era l’11 febbraio del 2022 (20 mesi fa) – prosegue nel suo intervento – quando veniva affidata la gara dall’ingegnere Giancarlo Simoncini all’associazione temporanea di impresa Co.Ge San di Napoli. Ma qualcosa non deve essere andata per il verso giusto perché i lavori avrebbero dovuto essere già terminati".

Per questo Manuel chiede "chi ha preso i subappalti per il 49,9 % delle opere previsti nel capitolato? Sono ditte affidabili? Sono stati controllati i requisiti dei subappalti? E perché il cantiere è ancora abbandonato?".

"Per quanto riguarda la categoria degli impianti elettrici di (categorie Sios) erano a cura esclusiva dell’aggiudicatario – aggiunge ancora il consigliere di opposizione – in merito alla categoria degli impianti meccanici la Ge.San avrebbe dovuto rafforzare il controllo delle attività di cantiere, e garantire una più intensa tutela delle condizioni di lavoro e della salute e sicurezza dei lavoratori. Chiediamo urgenti spiegazioni sul motivo per il quale ad oggi non ci sia nessun cantiere attualmente attivo a Fossone".

"Non possiamo – prosegue – non sottolineare quanto sia sempre più vicina la data annunciata per lo spostamento di cure intermedie, e abbiamo constatato l’assenza di operai e tecnici al lavoro nella struttura. Basta bugie e basta giocare con la sanità carrarese – conclude Manuel nel suo intervento – e soprattutto chiediamo che la sindaca e l’assessore battano i pugni sui tavoli regionali e pensino ai cittadini di Carrara".