Rete per il trasporto dei disabili. Le associazioni che ne fanno parte

La Società della salute della Lunigiana ha individuato i gestori che si occuperanno della rete di trasporto dedicata ai soggetti fragili. I cittadini in possesso dei requisiti potranno fare domanda di accesso al servizio per beneficiare di un voucher gratuito.

Rete per il trasporto dei disabili. Le associazioni che ne fanno parte
Rete per il trasporto dei disabili. Le associazioni che ne fanno parte

Trasporto fragili: la Società della salute della Lunigiana ha individuato i gestori che si occuperanno della rete di trasporto dedicata ai soggetti fragili. Il terzo settore può essere utile per organizzare una rete di trasporti: il consorzio alcune settimane fa aveva pubblicato un avviso pubblico, di tipo non competitivo, per individuare soggetti del terzo settore disponibili alla co- progettazione di attività finalizzate a organizzare sul territorio una rete di trasporto. Per il trasporto di soggetti con fragilità socio- economica la Sds ha individuato i seguenti gestori: Venerabile Confraternita della Misericordia di Pontremoli – Odv Onlus (via Pietro Cocchi 10, Pontremoli, 0187/830049; uffici: 0187/833590, mail: [email protected]) e Pubblica assistenza Avis Fivizzano – Odv (piazza A. De Gasperi 13, Fivizzano, telefono 0585 948025; mail: [email protected]). Questa associazione, capofila, per il servizio di trasporto si rivolgerà a: Pubblica assistenza Croce bianca di Aulla, Pubblica assistenza Carrara, Pubblica assistenza Valle del Lucido Monzone, Pubblica assistenza Croce bianca di Casola in Lunigiana, Pubblica assistenza Concordia Fosdinovo, Pubblica assistenza Croce azzurra Comano, Pubblica assistenza Croce verde Licciana Nardi, Pubblica assistenza Croce verde di Zeri. I soggetti scelti garantiranno l’organizzazione dei servizi e l’utilizzo appropriato delle risorse, competenze, strumenti organizzativi per la continuità dei servizi e un monitoraggio periodico condiviso tra la SdS ed enti del terzo settore erogatori. Hanno messo a disposizione personale qualificato.

I cittadini in possesso dei requisiti potranno fare domanda di accesso al servizio di trasporto per soggetti con fragilità socio-economica per beneficiare di un voucher gratuito. La persona richiedente dovrà presentare domanda di accesso al servizio di trasporto per soggetti con fragilità socio economica attraverso queste modalità: compilare modulo online (https://trasportosociale.ssr.toscana.it), autonomamente dal proprio domicilio (accesso sicuro con Spid/Cns/Cie); compilare la domanda su apposito modulo da scaricare sul sito internet, rivolgendosi, anche tramite un soggetto delegato, alle realtà di seguito elencate: Cup aziendali; Botteghe della salute; Caf accreditati dall’Agenzia dell’Entrate individuati a seguito di manifestazione di interesse in un elenco che sarà pubblicato sul sito della Regione. I titolari del voucher potranno contattare uno dei due gestori ai recapiti di contatto sopra indicati.