Una petizione per ripristinare la corsa per i paesi della Valle dei Canali. "Non è possibile continuare ad essere bistrattati così – esordiscono i residenti di Guadine, Gronda, Casania e Resceto -. Invece di potenziare il servizio del trasporto pubblico lo penalizzano con tagli e spostamenti delle corse a loro piacimento. Abbiamo...

Una petizione per ripristinare la corsa per i paesi della Valle dei Canali. "Non è possibile continuare ad essere bistrattati così – esordiscono i residenti di Guadine, Gronda, Casania e Resceto -. Invece di potenziare il servizio del trasporto pubblico lo penalizzano con tagli e spostamenti delle corse a loro piacimento. Abbiamo solo tre corse per raggiungere la città: alle 7:10, alle 13:20 e alle 18:35. Da circa due settimane la corsa delle 13:20 è stata spostata alle 14:15, penalizzando fortemente gli abitanti, soprattutto le persone anziane che non hanno mezzi propri per spostarsi. Se una persona deve andare in città per svolgere commissioni, come si può pretendere che dalle sette del mattino vi rimanga fino alle due del pomeriggio? E’ vero che a Ponte di Forno c’è la fermata delle corse della tratta Massa Forno ma per raggiungerla dobbiamo percorrere diversi chilometri a piedi. Crediamo che, in questo momento storico caratterizzato da questa pandemia – osservano - i servizi pubblici debbano esse incrementati e non depotenziati. E non è giusto che questi paesi vengano serviti da tre sole corse il giorno. Se serve una corsa alle due per gli studenti, si faccia, si aggiunga, lasciando però anche quella delle 13,20 per la popolazione. E’ l’unico bus dopo quello del mattino. Già è lunga aspettare tante ore. Più volte abbiamo chiesto di incrementare il servizio, magari con un bus a metà mattinata, e ci hanno ripagato sopprimendo la corsa delle 13:20 per metterla alle 14:15. Stavolta non staremo zitti. Siamo pronti a protestare per riavere la nostra corsa. Ci siamo già rivolti anche alla Regione Toscana e proseguiremo la nostra battaglia".

Angela M. Fruzzetti