Frane, quando riapre la statale della Cisa? Pendolari costretti a usare l’autostrada

Il caso tra Aulla e Santo Stefano Magra: Anas a lavoro insieme alle istituzioni locali

La frana sulla statale della Cisa (Foto Pasquali)
La frana sulla statale della Cisa (Foto Pasquali)

Aulloa, 14 novembre 2023 – Una chiusura che crea molti disagi. Per adesso non riapre la statale della Cisa dopo la frana che è accaduta nel territorio comunale di Aulla. L’importante nastro di asfalto che collega la zona con la Val di Magra per il momento non è transitabile. E non lo sarà almeno anche per tutta la giornata di mercoledì 15 novembre.

Queste le notizie che arrivano dal Comune, che aggiorna costantemente attraverso i social network gli automobilisti. Tra mezzi pubblici e privati, la statale serve a molte persone nelle ore di punta. E adesso in tantissimi sono costretti a prendere l’autostrada, con le conseguenti code che si formano al casello di Aulla soprattutto la sera, al ritorno a casa dopo il lavoro. 

"Anas – spiega il Comune – è al lavoro, da ieri, per la pulizia del versante pericolante con proprie ditte specializzate e con i propri tecnici che monitorano le lavorazioni. Non appena terminata la messa in sicurezza, verrà asportato il materiale franato e poi si proseguirà con la messa in opera di barriere di protezione”. 

L’amministrazione ha richiesto ad Anas, il prima possibile, la riapertura almeno di un senso unico alternato. Prosegue infine da parte del Comune l’iter per la richiesta di gratuità della tratta autostradale.