Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
17 mag 2022

David di Michelangelo "proibito": via tutte le fotografie dal web

L’ordinanza del Tribunale di Firenze: "L’utilizzo nel sito dell’impresa svilisce l’immagine del bene culturare". E anche gli scalpellini ora tremano

17 mag 2022
claudio laudanna
Cronaca
featured image
Il famoso "David tatuato"
featured image
Il famoso "David tatuato"

Carrara, 17 maggio 2022 - Gli Studi d’arte Cave Michelangelo hanno dovuto cancellare le immagini del David di Michelangelo dal proprio sito. Lo ha stabilito con un’ordinanza ad hoc i giudici del tribunale di Firenze che sono andati così a sanzionare la società di via Piave per quello che viene configurato come l’uso di uno dei simboli dell’arte del Rinascimento, e dell’Italia stessa, per fini commerciali. Si tratta, tuttavia, di una vicenda ancora tutta in divenire e che potrebbe avere ripercussioni importanti non solo sugli Studi d’Arte, ma per un settore intero a cominciare da tante attività artigiane. Senza andare a scomodare Walter Banjamin e il suo saggio di quasi un secolo fa su ‘L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica’, in discussione ora ci potrebbe essere soprattutto il destino di tanti piccoli e medi laboratori che fanno proprio delle copie dei capolavori della storia dell’arte uno dei prodotti con i quali andare avanti. In attesa che i giudici di esprimano sul merito della vicenda, intanto, la società di Carrara ha dovuto cancellare le immagini del David dal proprio sito e queste dopo che lo scorso febbraio dal Ministero della Cultura ha depositato un reclamo con il quale chiedeva ai giudici fiorentini di "accertare e dichiarare l’utilizzo non autorizzato delle immagini riproducenti il David di Michelangelo". Si tratta di un nuovo capitolo di una vicenda che prende le mosse già nel 2018 quando da Roma si erano già interessati delle copie della statua in riferimento a una campagna pubblicitaria lanciata dalla casa di moda fiorentina Brioni che aveva vestito una copia del David, di proprietà della Studi d’Arte Cave Michelangelo, con uno smoking. Già all’epoca il ministero aveva chiesto di accertare l’irregolarità dell’utilizzo dell’immagine del capolavoro del Buonarroti e di inibire entrambe le società dall’adoperarla per fini commerciali. In quell’occasione, tuttavia, gli ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?