DANIELE ROSI
Cronaca

Consiglieri esclusi dai sopralluoghi a Monterosso . Scintille in commissione: Vincenti lascia l’aula

"Non è accettabile che non ci siano ancora aggiornamenti sulle verifiche e il consiglio comunale dedicato"

Nervi tesi ieri pomeriggio durante la commissione salute presieduta da Guido Bianchini convocata per aggiornamenti sul Monoblocco. A creare malcontento in una parte dei consiglieri è stata soprattutto l’incertezza intorno alla data di un eventuale sopralluogo della commissione all’interno delle strutture sanitarie. Sopralluogo che per il momento non sembrerebbe possibile per problemi di tipo burocratico e sicurezza, come spiegato in apertura di commissione dal presidente Bianchini. Una versione che non ha convinto alcuni consiglieri, soprattutto tra l’opposizione Rigoletta Vincenti, anche lei medico, che in segno di protesta ha abbandonato la commissione dopo pochi minuti, non prima però di aver spiegato il suo punto di vista.

"Non è accettabile che non ci siano ancora aggiornamenti sul sopralluogo e il consiglio comunale dedicato – ha tuonato Vincenti – e si dà per scontato che le cose debbano essere fatte secondo il cronoprogramma Asl, che non condividiamo, così come non lo condividono i comitati. Il sopralluogo delle palazzine lo abbiamo chiesto da diverso tempo. Nel momento in cui come opposizione si esprimono posizioni sul tema, con anche mozioni che vengono approvate, e queste cadono nel nulla, mi chiedo che senso abbia venire in commissione". Sul sopralluogo il presidente Bianchini ha spiegato come siano state fatte diverse richieste di autorizzazione, al momento non realizzabili per problemi di regolamento. Per il consiglio comunale dedicato al Monoblocco, la vicesindaca Roberta Crudeli presente in commissione, ha confermato la presenza dell’assessore regionale alla sanità Simone Bezzini in un consiglio dedicato entro il 20 ottobre.

Sul tema è intervenuta anche la consigliera di maggioranza Maria Mattei con una riflessione condivisa dalla consigliera Letizia Carusi. "Rimangono perplessità rispetto alla gestione Asl – ha ribadito Mattei – e credo che la prova siano gli anni trascorsi dall’inaugurazione del Noa e quello che sta succedendo a livello di assistenza territoriale. Se un vuoto è stato creato, ed è stato riempito velocemente dal privato, vuol dire che qualcosa non ha funzionato. Siamo in una fase in cui sono necessarie la presenza e l’ascolto del territorio, compresi i comitati". La vicesindaca ha quindi rassicurato sulla grande attenzione che il Comune, insieme a Massa e Montignoso, sta mantenendo sul tema, con tavoli e aggiornamenti continui. Per quanto riguarda il cronoprogramma, sono arrivati ulteriori rassicurazioni sui servizi ambulatoriali in città e sul rispetto dei tempi per le palazzine e la Rsa di Fossone.

Gli ambulatori mobili saranno 14 e saranno posizionati sul lato Sarzana del Monoblocco. L’area accoglierà gli ambulatori di diabetologia, dermatologia, urologia, neurologia e pneumologia. Avranno degli accessi separati e saranno installati indicativamente a dicembre.