Avvistati lupi a Pariana. Cresce la paura

Gli abitanti di Pariana denunciano la presenza di lupi nel paese, che hanno già ferito una gatta. Alcuni residenti hanno visto più di un esemplare, aumentando la preoccupazione tra i paesani. Autorità locali e istituzioni sono invitate ad intervenire prima che accada qualcosa di spiacevole.

Avvistati lupi a Pariana. Cresce la paura

Avvistati lupi a Pariana. Cresce la paura

Allarme lupi a Pariana. A denunciare la presenza di alcuni esemplari del temibile predatore nel paese di uno dei versamenti della montagna massese, sono stati gli stessi abitanti. "Volevo avvisarvi di stare molto attenti la notte quando rientrate – ha scritto Francesca Farusi nel gruppo facebook Sei di San Carlo Pariana se – stanotte fuori dalla porta di casa mia c’era un lupo che ha ferito la mia gatta. Se non fosse uscito mio figlio, che tra l’altro si è spaventato, non so se sarebbe ancora viva". Non si tratterebbe di un episodio isolato, infatti, a sentire altri paesani nei giorni scorsi gli incontri ravvicinati con il lupo sarebbero stati più di uno. Tra questi quello di un parianese di adozione, originario dell’Emilia-Romagna, che nel tornare a casa a piedi, come è solito fare, in prossimità del vecchio mulino lungo via dei Colli, si è trovato faccia a faccia, o meglio, faccia a muso, con il lupo, "che fortunatamente – ha raccontato lui stesso – ha preso un’altra strada". Un’altra residente giura di averne visti "ben cinque, probabilmente – ipotizza la donna – mamma e cuccioli al seguito". Così dopo l’allarme cinghiali, che lo scorso anno per alcuni mesi si sono aggirati indisturbati tra terreni e piane, causando danni alle culture e alle recinzioni, ora è la volta dei lupi. Cresce la preoccupazione tra i paesani "anche perché – spiegano alcuni di loro – la maggior parte di noi per raggiungere le proprie abitazioni deve fare un tratto di strada a piedi, che in questo momento, stando così le cose, percorriamo mal volentieri". Motivo per cui rivolgono un appello alle istituzioni e autorità locali, tra cui il corpo forestale dello stato, affinché "qualcuno intervenga prima che accada qualcosa di spiacevole".

Stefano Guidoni