Pietre in equilibrio, a Marina di Massa è il weekend dello ‘Sbam’

Torna lo “Stone Balance Art Meetin” promosso dalla Pro Loco

 Un’immagine dello ‘Sbam’ dello scorso anno

sbam pietre in equilibrio

Massa, 14 maggio 2019 - Torna a Marina di Massa, nei giorni di sabato 18 e domenica 19, la quarta edizione di Sbam (acronimo di Stone Balance Art Meeting), ovvero un raduno dei bilanciatori di pietre. L’evento, promosso da Pro Loco Marina di Massa con il patrocinio di Ageparc e Comune di Massa, nasce dall’esigenza d’incontrarsi fisicamente da parte di chi pratica l’arte di mettere le pietre in equilibrio, creando contemporaneamente un evento accessibile che renda fruibile e praticabile dal pubblico codesta arte. Solitamente lo SB è praticato in luoghi poco frequentati, raggiunti per ritrovare se stessi meditando nella natura più incontaminata possibile, quindi torrenti montani e spiaggette solitarie. Trattandosi di un raduno aperto al pubblico, Marina di Massa offre una spiaggia di sassi di fronte all’Istituto Alberghiero Minuto, luogo idoneo per la quantità di materiale occorrente ai tanti bilanciatori che accorrono da ogni dove. La spiaggia di sassi è da sempre oggetto di critiche, classificata come luogo degradato e sottovalutato del litorale massese, valorizzata solo in occasione dell’appuntamento con lo Sbam.

Ed è già qualcosa per il territorio. A Marina, in questa pietraia causata dal disinteresse amministrativo di qualche tempo fa (prima c’era la sabbia) lo Sbam si è svolto nel 2015, nel 2016 e nel 2018 ed ha richiamato l’attenzione di moltissimi visitatori. Insomma, le pietre servono e l’obiettivo degli organizzatori è far diventare lo Sbam marinello un appuntamento nazionale di riferimento per tutti i ‘bilanciatori’ italiani e non solo, in quanto alcuni arrivano da Francia, Germania e Spagna. Un auspicio e un obiettivo che si prefiggono gli organizzatori Luigi, Gabriella, Cristina, Nicola, Cinzia, Emanuel, Barbara, Valeria, Irene, Alessandro, Matteo.

Nell’edizione del 2016 vennero coinvolti alcuni artisti della ‘land-art’, arte che nasce dall’utilizzo di materia naturale per la costruzione di coreografie, utilizzando i legni e le canne gettati dal mare sui sassi. Nella scorsa edizione sono stati coinvolti alcuni pittori che a fronte spiaggia, sulla rete dell’Istituto Alberghiero, hanno dipinto tele lunghe 5 metri a scopo coreografico. Nella scorsa edizione sono stati coinvolti alcuni pittori che a fronte spiaggia, sulla rete dell’Istituto Alberghiero, hanno dipinto delle tele (lunghe 5 metri) a scopo coreografico. Quest’anno il numero degli artisti coinvolti è triplicato. Prendendo spunto dai bilanciamenti o dal mare 15 artisti dipingeranno per due giorni ognuno con il proprio stile dando vita ad uno spettacolo unico nel suo genere. Anche gli alunni della classe 5ª primaria di Bondano parteciperanno allo Sbam dipingendo il loro personale telo di 5 metri a testimonianza dell’importante legame tra arte e cittadini e tra cittadini e ambiente.