«Carrara in bianco» fa il pieno. Eleganza e spettacoli da sogno

Soddisfatti i commercianti per la bella riuscita della kermesse

Carrara in bianco
Carrara in bianco

Grande apprezzamento anche per la proiezione, in piazza Battisti, del video Antrum in Dynamica, realizzato dalla regista e coreografa Cristina Figaia. . Realizzato nelle spettacolari Cave di Gioia questo video mette in luce la bellezza e l’energia della danza contemporanea. Un linguaggio universale, dove la potenza espressiva del corpo riesce ad esaltare uno scenario paesaggistico unico al mondo. La danzatrice protagonista del video è Sara Ussi. Vestite in bianco erano anche le piccole ballerine della scuola 2H project, accompagnate dalla loro vulcanica insegnante, Lucia Bianchi. Si sono esibite in due quadri, sempre in piazza Battisti prima e dopo la proiezione del video, raccogliendo applausi scroscianti dai numerosi presenti. E a fine serata piazza Alberica è letteralmente impazzita per il White Attack: oltre 800 cilindri giganti lunghi fino a 5 metri, sono stati gonfiati dal pubblico e, guidati da un trapoliere in frack bianco, illuminato a led, sono stati lanciati verso l’alto ripetutamente, riempiendo il cielo della piazza di bianco. «Siamo soddisfatti per il pienone della seconda data di Carrara in –. dichiara Lorenzo Baglioni, presidente del Ccn - È la dimostrazione che con programmazione, comunicazione e organizzazione la città risponde e le fatiche sono ripagate». «L’imperativo è continuare con un’attenta programmazione, – dichiara Francesco Romano del ristorante Roma – capillare informazione e avvalersi di professionisti che sanno il fatto loro. Il neonato ccn ha già posto le basi solide per un rilancio del commercio, lento e faticoso è vero, ma partendo da una situazione di sofferenza non può essere il cammino in discesa, ma una lenta arrampicata verso la meta».

«Ancora una splendida serata curata dal Ccn e organizzata da Altrieventi. – dice l’architetto Corrado Lattanzi, membro del direttivo del Ccn. Nel panorama delle manifestazioni cittadine, le tre serate del Ccn, le tre manifestazioni propongono un progetto integrato che ruota attorno all’idea di bellezza ed eleganza del centro storico. Il pubblico ha risposto con grande entusiasmo alle prime due serate. Molti negozi hanno tenuto aperto. Il successo di un lavoro collettivo e mirato è stato evidente. Ci sono ancora tante cose da fare, il periodo difficile tende a concentrare i visitatori sulla parte più centrale della città e questo non favorisce le attività di zone che ancora non molto tempo fa erano frequentatissime; il Ccn proverà a far sempre meglio anche su questo e a coinvolgere un pubblico sempre più ampio». «L’ intento del Ccn di far vivere la città di una piacevolezza condivisa e di dare visibilità ad una città che troppo spesso rimane nell’ombra, si sta raggiungendo – ribadisce Nadia Cavazzini, presidente di Ristorando-. Grande partecipazione in un contesto che racchiude forti significati artistici, culturali, ed enogastronomici, basi eccellenti che appartengono a noi da secoli ma sulle quali, lavorando insieme , si può ampliare visibilità e sensibilizzazione». Adesso si pensa già alla prossima serata, l'ultima nel calendario degli eventi. Carrara...in canto, in programma il 28 luglio.