L'abbondante coltre nevosa (foto Borghesi)
L'abbondante coltre nevosa (foto Borghesi)

Valle del Serchio, 10 gennaio 2021 - Alcune criticità in corso, con tanti uomini e mezzi ancora attivi sul campo, per l’emergenza neve che ha attanagliato la Valle del Serchio e i suoi Comuni di maggiore altitudine dal 31 dicembre dello scorso anno. Riaperte tutte le strade provinciali e comunali, con poche eccezioni di secondario rilievo, si riparte in sicurezza anche con le lezioni nelle scuole di ogni ordine e grado della Garfagnana, rientro posticipato per la forte ondata di maltempo.

Oggi, giornata di vento e di tempesta nei territori montani sopra i 1000m, cause dirette della dilatazioni dei tempi per la messa in sicurezza di alcune strade ancora invase dalla neve scesa massicciamente nei giorni scorsi, con imponenti pareti ghiacciate ai lati, alte oltre un metro e mezzo, a restringere le carreggiate. É il caso della viabilità per la Riserva naturale dell’Orecchiella, nel comune di San Romano in Garfagnana, chiusa da un’ordinanza del sindaco, Raffaella Mariani, fino a completa e sicura percorribilità. Il Parco dell’Orecchiella, sotto la tutela del reparto Carabinieri Biodiversità di Lucca guidato dal tenente colonnello Cecilia Tucci, non è raggiungibile, se non attraverso una traccia a unico senso di circolazione realizzata e utilizzata unicamente dall’ente gestore, in particolare per accudire gli animali presenti.

Fino alle 10 di lunedì mattina è inoltre in vigore una nuova allerta meteo in codice giallo, per l’alta possibilità della formazione di ghiaccio, visto il forte abbassamento delle temperatura in corso. La nuova misura, emessa dalla sala operativa unificata della protezione civile nel pomeriggio, si va ad aggiungere a quella per rischio vento che si concluderà alla mezzanotte di oggi e al divieto di escursioni e attività sportive in montagna nei luoghi innevati, per alto pericolo di slavine, valido fino al 15 gennaio.