Maltrattamenti e lesioni. Tre anni e tre mesi all’ex compagno di Francesca De André

Giorgio Tambellini, 40 anni lucchese, condannato dal tribunale collegiale. Lei commenta così: "E’ una pena troppo leggera, non finisce qui...". La vicenda emerse dopo un blitz dei carabinieri nella casa di Lammari.

Maltrattamenti e lesioni. Tre anni e tre mesi all’ex compagno di Francesca De André

Maltrattamenti e lesioni. Tre anni e tre mesi all’ex compagno di Francesca De André

Tre anni e 3 mesi di reclusione più 15mila euro di risarcimento provvisionale. Questa la pena inflitta ieri pomeriggio dal tribunale collegiale (presidente il dottor Riccardo Nerucci, giudici Fantechi e Massaro) a Giorgio Tambellini, 40 anni lucchese, ex compagno di Francesca De André, per maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate nei confronti della showgirl.

La sentenza arrivata intorno alle 14.15 dopo un’ora di camera di consiglio non soddisfa però la nipote di Faber: “Una condanna troppo lieve secondo me. Procederemo anche in sede civile. Non finisce qui...”, è stato lo sfogo a caldo, subito dopo la lettura della sentenza, di Francesca De André, assistita come parte civile dagli avvocati Paolo Pieragostini e Gianluigi Tizzoni, che avevano chiesto 80mila euro di risarcimento danni. “I rapporti tra noi due ormai sono inesistenti – ha poi aggiunto Francesca De André – almeno per me, perché lui invece continua a fare cose che non vanno bene, tipo seguirmi in bicicletta oggi fuori dal tribunale...“.

Il pubblico ministero, Paola Rizzo, aveva chiesto 4 anni di reclusione per Tambellini. Lui si è fatto esaminare in aula, ed ha ammesso certe condotte violente sostenendo però che si trattava di episodi, a volte reciproci, legati ad abusi di alcol e altre alterazioni psicofisiche. Il collegio presieduto dal giudice Riccardo Nerucci alla fine ha in parte attenuato i fatti contestati al quarantenne lucchese, difeso dagli avvocati Enrico Marzaduri e Andrea Balducci, che si sono battuti sopratutto sull’insussistenza dei maltrattamenti.

Francesca e Giorgio erano entrambi presenti in aula, ma si sono ignorati e tenuti a distanza. Se la loro relazione, risalente al 2018-2022 e finita spesso sotto i riflettori (oltre a quelli del Grande Fratello su Canale 5) è terminata da tempo, non si può dire altrettanto della battaglia legale che si preannuncia ancora lunga. Gli avvocati della difesa, com’era prevedibile, hanno infatti dichiarato l’intenzione di presentare appello.

L’episodio scatenante era avvenuto il 21 aprile 2022. La coppia, che dopo aver convissuto a Milano, all’epoca alloggiava in un residence a Lammari, quel giorno litigò in maniera furibonda a tal punto che una vicina di casa, sentendoli, pensò bene di chiamare i carabinieri. All’arrivo dei militari Francesca De André aveva tumefazioni al volto e sulle braccia, che le valsero 21 giorni di prognosi in ospedale. In seguito a quella vicenda scattò il divieto di avvicinamento e l’allontanamento dalla casa familiare nei confronti dell’ex compagno.

“Ero a terra, il sangue usciva da ogni parte del mio corpo – aveva raccontato all’epoca la ragazza in un’intervista a “Chi“ – . Ricordo una serie di calci in testa uno via l’altro, poi il vuoto. Ho aspettato a sporgere denuncia fino a quando non ne potevo più”.