La Medicina legale di Lucca tra i 10 centri nazionali di riferimento

Il Ministero della Salute ha designato la Medicina Legale di Lucca come Centro nazionale di riferimento per la disposizione del corpo post mortem a fini scientifici, in conformità alla legge 10 del 2020. Solo 10 strutture in Italia hanno ottenuto questo riconoscimento, consentendo la donazione del corpo per la ricerca medica.

La Medicina legale di Lucca tra i 10 centri nazionali di riferimento

La Medicina legale di Lucca tra i 10 centri nazionali di riferimento

Con il decreto del Ministro della Salute del 24 aprile 2024 la Medicina Legale di Lucca è stata riconosciuta come Centro nazionale di riferimento, ai sensi della legge 10 del 10 febbraio 2020, che ha introdotto anche in Italia una specifica normativa in materia di disposizione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica. Solo 10 strutture in tutta Italia hanno ottenuto questa qualifica a seguito della selezione effettuata dal Ministero nel 2023. L’Asl ricorda che con la legge 10 del 2020 e con l’istituzione dei centri nazionali autorizzati come quello dell’Azienda Usl Toscana nord ovest, oggi è possibile anche in Italia donare il proprio corpo dopo la morte, per rendere possibili nuovi studi di malattie e terapie e una migliore formazione pratica dei professionisti sanitari.

In foto, il personale della Medicina legale di Lucca: da sinistra, Laura Evangelisti, Diana Bonuccelli, Marco Conti, Scilla Lenzi.