Il bando “Custodi della Montagna“ a tutela dei territori montani: "Finanziate oltre 80 attività"

Riaperto il progetto, corredato da una dotazione di 700mila euro a sostegno delle zone meno popolose. Per piccole e medie imprese, compresi liberi professionisti e per attività di natura imprenditoriale.

Il bando “Custodi della Montagna“ a tutela dei territori montani: "Finanziate oltre 80 attività"
Il bando “Custodi della Montagna“ a tutela dei territori montani: "Finanziate oltre 80 attività"

Riaperto in queste ore il bando regionale denominato "Custodi della Montagna" corredato da una prima dotazione di 700mila euro e destinato alla tutela dei territori montani veicolata attraverso la promozione di interventi finalizzati a contrastare il fenomeno del loro spopolamento. Un progetto incentrato sulla rivitalizzandone e riqualificandone del tessuto economico e sociale che prevede specifiche misure in favore della nascita di nuove attività produttiva, oltre al sostegno della riorganizzazione delle attività già esistenti nei territori dei comuni montani sopra i 500m di altitudine. "Prosegue così il sostegno della Regione Toscana per l’avvio o la riorganizzazione di attività di piccole, medie e micro imprese nei comuni montani – ha dettagliato in merito l’assessore regionale a Economia e Turismo Leonardo Marras -. Inoltre, a implemento dello scorso bando, il decreto che ne approva la riapertura stabilisce anche alcune importanti integrazioni che puntano a semplificare l’iter di presentazione, istruttoria e rendicontazione del contributo". Il Bando si prefigge anche di sostenere la sottoscrizione del "Patto di comunità" tra le imprese beneficiarie e il Comune di riferimento, per la gestione attiva del bosco, la cura del territorio e per attività sociali correlate.

Aperto per micro, piccole e medie imprese, compresi i liberi professionisti e soggetti operanti in attività di natura imprenditoriale, come per le persone fisiche che si impegnano a costituire un’attività economica entro 6 mesi dalla data del provvedimento di ammissione con sede operativa localizzata in uno dei comuni montani previsti e appartenenti a tutti i settori produttivi. Le domande potranno essere presentare entro e non oltre le 16:00 del giorno 27112023. "Si tratta di una speciale iniziativa a cui tengo tantissimo e che ha visto finanziare in provincia di Lucca oltre 80 attività che operano in montagna, con oltre 1 milione di euro di contributi - commenta son soddisfazione il consigliere regionale Mario Puppa, firmatario della innovativa proposta di legge presentata dal capogruppo Pd in Regione, Vincenzo Ceccarelli -. Aiutando chi investe in montagna si cerca di arginare il drammatico problema dello spopolamento e mantenere il territorio curato e sicuro. Con 700 mila euro possiamo riaprire il bando in attesa di ulteriori risorse che potranno arrivare con il bilancio 2024".

Fiorella Corti