Come cambia la sanità in Valle. Ecco l’ospedale di comunità: "Puntiamo sulla struttura di Barga"

Presentato ieri il progetto della nuova struttura con il presidente della Regione, Eugenio Giani "La Regione intende rafforzare il legame tra l’ospedale, la sua risposta sanitaria e quella con il territorio".

Come cambia la sanità in Valle. Ecco l’ospedale di comunità: "Puntiamo sulla struttura di Barga"

In alto la struttura che vedrà al suo posto nascere l’ospedale di Comunità. A lato tutti i protagonisti della giornata di ieri (Foto Borghesi)

A Barga ieri la presentazione del progetto che sta per prendere il via, con la consegna dei lavori alla impresa appaltatrice la ditta Beltrani, per la realizzazione del nuovo ospedale di comunità che sorgerà all’interno del complesso dell’ospedale San Francesco. Prenderà il posto della palazzina che attualmente ospitava gli ambulatori e la farmacia, che verrà completamente demolita e ricostruita. Il nuovo edificio, su due piani, occuperà una superficie di 1360 mq, ospitando 20 posti letto oltre a locali per la continuità assistenziale, la palestra riabilitativa e tutto quello che serve al suo funzionamento. E’ stato il presidente della Regione Eugenio Giani a consegnare simbolicamente i lavori ai rappresentanti della impresa Beltrani, alla presenza della direttrice generale dell’ASL Toscana Nord Ovest, Letizia Casani, della sindaca di Barga, Caterina Campani, dell’assessore regionale Stefano Baccelli, e del direttore di zona distretto valle del Serchio Fabio Costa. Un intervento davvero cospicuo che costerà alla fine 4,8 milioni di euro di cui 2,5 provenienti dal PNRR ed il resto finanziato dalla Regione Toscana.

"Ulteriore riprova che la Regione Toscana non ha intenzione certo di chiudere l’ospedale di Barga – ha sottolineato il presidente Giani - ma anzi rafforzare il legame tra l’ospedale, la sua risposta sanitaria e quella con il territorio a completamento di una cittadella sanitaria davvero importante per tutta la Valle". "L’impresa esecutrice inizierà i lavori a maggio - ha spiegato la direttrice Letizia Casani - e gli interventi dovranno essere conclusi in tempi precisi, entro la fine del 2025. Un servizio nuovo a beneficio di tutta la Valle".

"Progetti come questi sono importanti - ha ribadito Giani e lo dimostra il fatto che dei 453 milioni avuti dal PNRR la Regione Toscana ne ha impegnati due terzi proprio sull’investimento per le case e gli ospedali di comunità per creare una rete che integri la risposta sanitaria che viene dagli ospedali con quella del territorio e garantisca una soluzione più appropriata anche per la lungo degenza". Il presiedente Giani ha definito la sindaca di Barga vera regista di questa operazione: "Crediamo molto in questo progetto - ha detto la sindaca Campani -. C’era bisogno di accrescere nella Valle la risposta per le cure intermedie e ora si potrà dare una servizio più completo".

Luca Galeotti