Borseggio
Borseggio

La Spezia, 15 dicembre 2019 -  Era partita in autobus dal Favaro, diretta a raggiungere il figlio residente in centro per portargli un oggetto. Poi, una volta entrata in un bar, ha fatto l’amara scoperta: era stata derubata di uno dei tre portafogli che aveva in borsa mentre era sul 12. A vivere due giorni fa questa disavventura è stata un’anziana spezzina che, nonostante abbia preferito non apparire pubblicamente sulle pagine del nostro giornale per motivi di riservatezza, racconta come ha ricevuto il ’bel’ regalo di Natale.
 

«Non eravamo più di cinque o sei persone sopra il bus. Solo quando sono scesa in via Chiodo c’è stato un po’ di affollamento. Non saprei dire chi è stato a sottrarmi l’oggetto. So solo che ci ha messo pochissimo tempo". Più che i soldi (250 euro in tutto), le due carte di credito, il bancomat e la ricetta che ora le toccherà rifare, la vittima del furto è triste per quel ricordo affettivo (legato al padre defunto) che custodiva preziosamente all’interno del portafoglio. E che ora ha perso per sempre.
 

Ormai rassegnata, dopo aver terminato alcune commissioni in banca ed essere passata dalla polizia per sporgere denuncia, la donna ha ripreso l’autobus per tornare a casa. Ma una volta salita sul mezzo pubblico, priva del portafoglio in cui teneva anche l’abbonamento Atc, è stata multata. Non è bastato mostrare la denuncia con scritto che faceva parte della lista degli oggetti che le erano stati sottratti qualche ora prima: il controllore ha deciso ugualmente di farle la multa, precisandole che non poteva fare altrimenti. Ciononostante, il dipendente Atc, ha suggerito alla sfortunata passeggera di rivolgersi agli uffici dell’azienda per chiedere se era possibile farsi annullare la sanzione. Nonostante la seconda batosta morale della giornata ad amareggiare la vittima è stata più che altro la scarsa mobilitazione di Atc sul tema. A sua detta, infatti, l’azienda era già a conoscenza dei furti soliti verificarsi il venerdì sulla linea 12.
Su quanto successo si è espresso anche il direttore di Atc, Francesco Masinelli: "Le toglieremo la multa. Giustamente i controllori applicano il mansionario che hanno, dopodiché basta che la persona raggiunga gli uffici di piazza Chiodo o via Leopardi e ci mandi due righe per mail e noi provvederemo. Prendo atto di quanto successo e vedrò cosa è possibile fare per intensificare i controlli. Di certo segnaleremo l’episodio a polizia, carabinieri e guardia di finanza".
Giulia Tonelli