Argini sul Vara, via ai lavori. Consegnato il maxi appalto. Spezia pronto a investire

La società realizzerà un altro campo a undici nella cittadella sportiva follese. A breve nel fiume entreranno in azione le ruspe dell’impresa sarzanese Sana. .

Argini sul Vara, via ai lavori. Consegnato il maxi appalto. Spezia pronto a investire

Argini sul Vara, via ai lavori. Consegnato il maxi appalto. Spezia pronto a investire

La consegna dei lavori è stata formalizzata pochi giorni fa, i primi interventi propedeutici all’avvio delle opere sono in corso, e per vedere le prime ruspe lungo il Vara non si dovrà attendere ancora molto. Prende quota, in bassa Val di Vara, il cantiere per la realizzazione di nuovi argini lungo la sponda destra del fiume Vara, nei territori di Follo e Vezzano Ligure. I lavori, appaltati da Regione Liguria con un investimento di due milioni di euro, saranno realizzati dall’impresa Sana di Sarzana: otto mesi la durata stimata delle opere attese da tempo, in quanto consentiranno la deperimetrazione delle aree a ridosso del fiume, e dunque un nuovo sviluppo per quella fascia fino a oggi vincolata a causa dell’alto rischio idrogeologico. A beneficiarne, a Pian di Follo, sarà anche lo Spezia Calcio, che potrà così realizzare il terzo campo da calcio a 11 all’interno della cittadella dello sport follese nell’ambito del piano di sviluppo delle infrastrutture avviato dalla famiglia Platek. Il nuovo campo sportivo, peraltro, sarà messo a disposizione anche delle società calcistiche del territorio, così come previsto dall’amministrazione comunale nel recente bando per la gestione delle strutture sportive vinto proprio dallo Spezia calcio.

Le opere di difesa spondale permetteranno non solo di svincolare aree sulle quali sono attesi progetti di sviluppo, ma anche di rafforzare la messa in sicurezza di un’ampia area urbanizzata dei territori comunali di Follo e Vezzano Ligure rispetto alla piena del fiume Vara con tempi di ritorno di duecento anni: una zona dove sono presenti non solo residenze, ma anche il polo artigianale e industriale di via Greti di durasca, il depuratore comunale e l’isola ecologica. Un’opera per la quale la Regione ha dedicato una cospicua fetta dei fondi di protezione civile a disposizione e dedicati a migliorare la resilienza del territorio. "Un ulteriore passo avanti verso la messa in sicurezza da future possibili esondazioni del Vara per i comuni di Follo e Vezzano. La realizzazione di questa opera – afferma l’assessore regionale alla Protezione civile, Giacomo Giampedrone – è fondamentale anche per consentire, una volta ultimato, di ridare una prospettiva di sviluppo ad aree che per troppo tempo sono rimaste vincolate a causa della situazione di rischio in cui versavano. Si tratta di una zona destinata ad attività artigianali, commerciali e anche sportive di grande pregio . Ridiamo vita aterreni che finalmente avranno

la garanzia di una adeguata protezione grazie al nuovo argine, in modo che i Comuni possano creare ulteriore sviluppo e occupazione". Nelle prossime settimane l’assessore Giampedrone assieme alle amministrazioni comunali, i tecnici e le ditte, svo lgerà un sopralluogo.

mat.mar.