Un momento della partita
Un momento della partita

Cesena, 18 ottobre 2020 – Due schiaffi quando non sono ancora passati cinque minuti, potevano mandare al tappeto chiunque, ma non lo Spezia allenato da Italiano, che, contro la forte Fiorentina, con ordine e pazienza, un gol per tempo, in rimonta riesce ad ottenere un ottimo pareggio, tornando così a muovere la classifica, dopo lo stop di Milano. Si gioca sempre a Cesena, dove gli spezzini hanno ceduto già all'esordio con il Sassuolo (nel secondo turno) ed è presente anche qualche tifoso che, sugli spalti, si fa sentire.

Italiano – che torna alla sua adorata tuta come a Udine (dove ha vinto) - cambia molto in avvio rispetto alla gara con il Milan, così, al di là del previsto cambio in porta con Provedel, si affida ancora a Sala sulla destra e piazza Terzi accanto a Chabot, preferendo l'inesperto Bastoni a Dell'Orco; a centrocampo, invece, Deiola ce la fa, mentre Acampora la spunta su Mora, per affiancare Ricci, e in attacco tridente quasi obbligato con Verde, Piccoli e Gyasi. Dall'altra parte, Iachini lascia in panchina Callejon e ritrova il terzetto di difesa Caceres,Pezzella, Milenkovic, mentre nel reparto avanzato Ribery ha accanto Vlahovic.

Pronti-via e il capitano dei viola (per l'occasione in maglia rossa) Pezzella, alla sua centesima presenza in Serie A, piazza all'incrocio, con una zuccata dal cuore dell'area senza praticamente staccare, il corner battuto dalla sinistra. È lo 0-1. e lo stadio è ammutolito. Passano solo due minuti e lo Spezia capitola nuovamente: discesa sulla destra di Lirola che mette al centro un rasoterra sul quale, nell'area piccola, Sala non riesce a liberare, così da posizione defilata arriva Biraghi che, di sinistro, la mette nella porta vuota. È lo 0-2.

Si ridesta dal torpore intorno al 10' lo Spezia quando potrebbe almeno accorciare, ma Piccoli non riesce a girare verso la porta solo a centro dell'area, dopo il bel rasoterra di Gyasi che si era guadagnato la fascia con una bella sgroppata. I liguri continuano a far girare la palla e i viola concedono saltuariamente degli spazi vicino alla propria porta, come al 28' quando Ricci riesce a scaricare il sinistro dal limite, senza però centrare lo specchio. E così lo Spezia riesce ad accorciare al 39' quando Terzi serve Verde sul filo del fuorigioco e la punta dopo aver corso sulla destra, entra in area e trafigge col sinistro tra le gambe, Dragowski in uscita. È l'1-2 e per la punta si tratta del terzo gol in Serie A, il primo con la maglia spezzina. Salva invece Chabot al 44', in una situazione complicata in area, con due avversari pronti ad infilare in rete.

Inizia il secondo tempo e sono gli stessi 22, possesso palla aquilotto e viola attendisti. Il ritmo continua ad essere elevato, ma le occasioni scarseggiano, seppur gli spezzini cerchino con ordine di ottenere il pareggio. Poi, al 18', è incredibile il liscio di Castrovilli, solo davanti a Provedel che non riesce a toccare dentro, sul passaggio sotto porta rasoterra di Lirola. Italiano decide che è il momento di dare una spinta in più, dentro Ferrer, Agudelo e Farias, così al 23' arriva la possibilità per pareggiare: Nzola (entrato qualche minuto prima) ruba palla a Pezzella e serve l'accorrente Farias, pronto a scaricare il destro che però sfiora soltanto il montante alla destra di Dragowski. Il meritato pareggio dello Spezia arriva alla mezz'ora quando Farias, dopo un batti e ribatti in area a seguito di un corner, raccoglie il difettoso rilancio dell'appena entrato Dos Santos e scaglia con il destro nell'angolino dove Dragowski, coperto, non tenta nemmeno di tuffarsi. L'ultima occasione, al 47', è dello Spezia, con Nzola che sfiora il pari con il sinistro, mandando il pallone a lambire il palo, dopo il colpo di testa all'indietro di un difensore fiorentino.

La prossima sfida che attende gli aquilotti è domenica 25 ottobre, alle 15, sul campo del Parma.

 

Spezia-Fiorentina 2-2

PRIMO TEMPO 1-2

SPEZIA (4-3-3): Provedel; Sala (19' st Ferrer), Chabot, Terzi, Bastoni (33' st Dell'Orco); Deiola (19' st Agudelo), Ricci, Acampora; Verde (19' st Farias), Piccoli (10' st Nzola), Gyasi. A disp. Krapikas, Rafael, Mora, Agoume, Bartolomei, Pobega, Erlic. All. Italiano.

FIORENTINA (3-5-2): Dragowski; Milenkovic, Pezzella (26' st Dos Santos), Caceres; Lirola, Bonaventura (33' st Callejon), Amrabat, Castrovilli (33' st Pulgar), Biraghi; Ribery (41' st Kouame), Vlahovic. A disp. Terraciano, Brancolini, Martinez Quarta, Duncan, Saponara, Venuti, Barreca. All. Iachini

Arbitro: Manganiello di Pinerolo (assistenti Paganessi di Bergamo e Di Iorio di VCO; quarto uomo Abbattista di Molfetta; Var Banti di Livorno, Avar Vivenzi di Brescia).

Marcatori: 2' pt Pezzella (F), 4' pt Biraghi (F), 39' pt Verde (S); 30' st Farias (S).