Wallaby in partenza da Isola dei Cipressi, ultimo saluto a Pusiano

I wallaby dell'Isola dei Cipressi, arrivati anni fa da Milano, sono stati sequestrati dai carabinieri forestali e portati al centro di Semproniano. Un'operazione in grande stile con la sistemazione di reti e trappole ha coinvolto una ventina di persone.

Saluteranno per l’ultima volta il lago di Pusiano i wallaby che per anni sono stati di casa sull’Isola dei Cipressi, il piccolo Eden che condividevano con gru coronate, pavoni e cicogne. Molti degli animali sono arrivati fin qui quando ha chiuso lo Zoo di Milano, non si sapeva a chi affidarli e la famiglia Gavazzi, proprietaria dell’isola, si fece avanti per accudirli, i wallaby invece furono acquistati all’inizio degli anni ’90: erano una coppia, poi sull’isola hanno messo radici fino a diventare una famiglia che oggi conta dodici esemplari. Per la legge italiana però questi animali sono pericolosi e, nonostante sull’isola non facessero del male a nessuno, anzi erano diventati i beniamini dei bambini che venivano fin qui in gita con il battello elettrico che salpa da Bosisio Parini, i carabinieri forestali hanno dato il via alle operazioni per il loro sequestro. Gli animali sono stati portati al centro per gli animali selvatici di Semproniano. Un’operazione in grande stile con la sistemazione delle reti e le trappole sull’isola, che ha coinvolto una ventina di carabinieri forestali, vigili del fuoco e veterinari tutti mobilitati per catturare i 12 wallaby che fra qualche giorno vivranno sulle pendici dell’Amiata.