Ris di nuovo in azione. Setacciati la villetta e il pozzo, dove è stato ritrovato il corriere

Sono stati sequestrati due mezzi (la Panda gialla e il pick up) e anche i telefoni cellulari delle tre persone arrestate e dei loro familiari per sottoporre a perizia i loro contenuti (messaggi e fotografie).

Ris di nuovo in azione. Setacciati la villetta e il pozzo, dove è stato  ritrovato il corriere

Ris di nuovo in azione. Setacciati la villetta e il pozzo, dove è stato ritrovato il corriere

Ieri, intorno alle 11 è iniziato il sopralluogo dei Ris (Reparto Investigazioni scientifiche) di Roma sulla villetta dove a pochi metri di distanza è stato trovato il corpo senza vita di Nicolas Matias Del Rio. Il ritrovamento del cadavere, avvenuto lo scorso 25 giugno in fondo a un pozzo poco distante dall’abitazione, ha dato una svolta significativa alle indagini ma i punti interrogativi sulla vicenda restano ancora molti. Del Rio è stato ucciso lì oppure no? E’ stato ucciso il giorno del rapimento o no? Ieri i Ris, operando nel massimo riserbo, hanno svolto una lunga e intensa attività di campionamento tecnico e scientifico. Una piccola pausa pranzo sul posto, poi le attività sono proseguite fino al tardo pomeriggio. I carabinieri del reparto investigazioni scientifiche si sono concentrati principalmente sulla villetta immersa nel bosco. In fondo al pozzo, dove è stato rinvenuto il cadavere di Del Rio, invece si sono nuovamente calati i vigili del fuoco, attività anche questa svolta ieri in tarda mattinata e su richiesta della Procura per capire in maniera più dettagliata la caratteristiche del pozzo. Profondità, dimensioni e altezza dell’acqua in esso contenuta, che ieri sono state misurate da un vigile del fuoco calatosi con il verricello. I Ris hanno perlustrato anche gli spazi esterni della villa, il vasto giardino, ciò che è rimasto dei fuochi appiccati, e si sono soffermanti in prossimità del pozzo. Presenti ieri a Casa Sallustri anche i due Pm, Valeria Lazzarini e Giovanni De Marco, l’avvocato Diego Innocenti difensore di Ozkurt Bozkurt, turco di 44 anni, arrestato nell’ambito di questa inchiesta. Presente anche il proprietario della villa. Quest’uomo insieme alla sorella ha ereditato l’abitazione dal padre deceduto qualche anno fa. La casa divisa su due piani non era abitata, il proprietario originario la usava saltuariamente ma principalmente come punto d’appoggio per quando si recava a cercare i funghi o per altre attività di campagna.

I punti interrogativi sono molti ma altre risposte potranno arrivare dall’accertamento che sarà eseguito sulla parte informatica. In quest’ottica sono stati sequestrati i telefonini dei tre arrestati e dei loro familiari per conoscere il loro contenuto (foto e messaggi). Inoltre i carabinieri hanno sequestrato anche la Panda gialla e il pick up, che saranno analizzati dai Ris. Dopo le prime indicazioni emerse dall’autopsia, cioè che Del Rio è stato strangolato con le mani o con una corda o soffocato con un sacchetto in testa e gettato nel pozzo, sulla salma del corriere dovranno essere eseguiti nuovi accertamenti, in particolare quelli tossicologici per capire se al quarantenne siano state somministrate sostanze.

Nicola Ciuffoletti