Riconoscere un ordigno bellico Lezione con i carabinieri artificieri

Riconoscere un ordigno bellico  Lezione con i carabinieri artificieri
Riconoscere un ordigno bellico Lezione con i carabinieri artificieri

Riconoscere un ordigno bellico, sapere cosa fare e cosa non fare se capita di trovarne uno, ma anche riflettere sul significato della pace e sugli orrori della guerra. È questo il contenuto di una lezione che si è svolta alla scuola media di Paganico con con gli artificieri del Nucleo investigativo carabinieri del Comando provinciale di Firenze. L’occasione è nata dal ritrovamento da parte della dirigente scolastica dell’istituto comprensivo "Federigo Tozzi" di Civitella Paganico, Manuela Carli, della "valigetta didattica con materiale inerte": una vera e propria valigia di legno con alcuni tipi di ordigni utilizzati durante la guerra, che veniva presentata nelle scuole per informare i ragazzi su quelli che più facilmente potevano essere trovati inesplosi. La giornata formativa, dal titolo "La guerra oltre la guerra. Gli altari di ferro" è stata anche l’occasione per i ragazzi per prepararsi con ricerche e approfondimenti. Le classi terze in particolare si sono impegnate nell’organizzazione, hanno prodotto la locandina e ideato il titolo, lavorando anche sul tema della guerra e della pace, oltre a fare uno studio sugli ordigni contenuti nella valigetta. Tutti argomenti che loro stessi hanno illustrato durante la mattinata. "È stata una bella occasione di approfondimento – ha detto la dirigente Carli – per la quale ringrazio il comandante Olivo, gli artificieri, che hanno tenuto una lezione di alto valore educativo, gli insegnanti e i ragazzi. Peraltro la lezione e gli interventi degli studenti sono stati l’esempio di un lavoro interdisciplinare e trasversale che ha permesso di toccare argomenti di italiano, storia, scienze, educazione civica".