Mozione sul "Natale": "Borghi l’ha strappata"

Momenti di tensione in Consiglio comunale

Mozione sul "Natale": "Borghi l’ha strappata"
Mozione sul "Natale": "Borghi l’ha strappata"

Consiglio comunale caldissimo a causa della mozione sul "Natale" presentata da Giacomo Signori. E la risposta dell’assessore Massimo Borghi ha provocato l’uscita dall’aula del gruppo di opposizione, che ha annunciato di rIvolgersi al prefetto. "A conclusione del suo intervento – afferma il gruppo “Noi per Gavorrano“ – l’assessore Borghi, si è rivolto a noi affermando che con la presentazione della nostra mozione avevamo portato in Consiglio un atto fascista, e affermando ciò strappava, in modo provocatorio, la mozione". Quindi il capogruppo Andrea Maule ha diffidato l’assessore Borghi (nella foto) a continuare a rivolgersi al gruppo di minoranza utilizzando il termine "fascisti". E sulla vicenda interviene anche la maggioranza. "Prendendo a pretesto una normalissima discussione tra pensieri opposti con un consigliere di maggioranza, a riguardo della mozione sulle radici cristiane dell’Europa da loro presentata, e non avendo temi di supporto per rispondere i consiglieri di opposizione hanno utilizzato un pretesto per creare confusione e di conseguenza per abbandonare l’aula. L’opposizione ancora una volta – chiude la maggioranza – ha dimostrato di voler strumentalizzare l’assise comunale come palcoscenico, arrancando proposte che non hanno alcuna attinenza e anzi sono totalmente estranee alle competenze del Consiglio".