Quotidiano Nazionale logo
13 mag 2022

"L’ecosistema marino è affidato ai giovani"

Grande partecipazione degli studenti grossetani alla giornata sulla sostenibilità ambientale organizzata dal Polo universitario

Un momento dell’interessante seminario sull’ambiente che si è svolto al Polo Universitario
Un momento dell’interessante seminario sull’ambiente che si è svolto al Polo Universitario
Un momento dell’interessante seminario sull’ambiente che si è svolto al Polo Universitario

Aula Magna gremita, ieri mattina al Polo universitario Grossetano, per l’evento promosso dalla Fondazione Polo universitario e università di Siena in collaborazione con il Comune di Grosseto in occasione della ’Giornata europea del mare’. "Crediamo che la missione del Polo universitario di Grosseto sia proprio quella di fare da tramite tra il sistema universitario e la società nella quale questo è immerso" afferma il professor Giacomo Spinsanti, biologo dell’università di Siena e componente del Cda di Fondazione Polo universitario Grossetano. "Proprio per questo – aggiunge – in occasione della Giornata europea del mare abbiamo voluto organizzare una mattinata di divulgazione scientifica ad appannaggio degli studenti, sia del Polo universitario, sia delle scuole superiori e delle scuole medie. È molto importante, infatti – prosegue Spinsanti – che i temi della tutela ambientale, e del mare in particolare visto che Grosseto ha diversi chilometri di costa, siano ben chiari alle generazioni più giovani. Alle quali – dice ancora il biologo – spettano due compiti importanti e gravosi: assumere da subito comprtamenti virtuosi caratterizzati dall’ecosostenibilità (e dunque è importante che i più giovani comprendano gli errori che si sono commessi e che si stanno commettendo) e poi agire per riparare, bonificare i danni che chi li ha preceduti ha prodotto".

All’iniziativa di ieri mattina la Polo universitario hanno dunque partecipato anche gli alunni della media Pascoli, oltre che decine di studenti di alcune scuole superiori della città. Tra i relatori hanno preso la parola alcune ricercatrici dell’università di Siena impegnate spesso in mare per analizzare la qualità delle acque anche davanti alle nostre coste; attività finalizzata a dimensionare il fenomeno del marine-littering ovvero della dispersione in mare di plastica abbandonata. Ha portato la sua testimonianza anche l’assessore all’ambiente del Comune di grosseto, Simona Petrucci, da molto tempo impegnata nella trincea operativa dello sviluppo della raccolta differenziata in città e della sensibilizzazione dei cittadini in comportamenti più virtuosi. Ha parlato anche Alessandra Sensini, vice presidente del Coni. "La sua testimonianza è stata molto importante per creare una giusta connessione con la platea di studenti – conclude il professor Giacomo Spinsanti, coordinatore della giornata di ieri – La campionessa è riuscita a sesnibilizzare i giovani sulla necessità di un ambiente sano per avere successo anche nello sport".

Andrea Fabbri

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?