"A Massa Marittima sembra che sempre più vi sia la tendenza a tacciare, censurare, intimidire chi esprime pensieri e opinioni diverse da chi è alla guida". Inizia così la replica del Pci alla risposta del sindaco sulla possibilità di allestire una funivia per collegare la città alta.

"Il problema diventa una foto che circola in rete da qualche anno, che non è altro l’espressione satirica, certamente esagerata. Non ci siamo inventati nulla ed è il sindaco che una volta liquidati i repubblicani fa marcia indietro e non possiamo che prenderne atto, ma rimaniamo in attesa di quelle che saranno le soluzioni pratiche che non disdegnerebbero di prevedere un concorso di idee anche da parte di chi opera nel settore ricettivo, oltre a coinvolgere il consiglio e la cittadinanza". Poi aggiungono: "A Massa Marittima non è un problema percorrere poche centinaia di metri per visitare le nostre bellezze almeno per la maggior parte delle persone. Situazione diversa per chi ha disagi o difficoltà motorie. Quindi preoccupiamoci meno di quanto consenso e visibilità ha il Pci e cerchiamo di eliminare con il tempo le brutture che non possono continuare ad esistere se vogliamo fare turismo, non sono fotomontaggi ma sono già cartoline che non aiutano certo a crescere".