Non esiste alcun ricorso sulle concessioni balneari che sono state firmate qualche settimana fa nel Comune di Castiglione della Pescaia. Lo comunica il sindaco Giancarlo Farnetani. "L’autorità legale del mercato ha iniziato alcune verifiche necessarie e legittime – inizia il primo cittadino di Castiglione della...

Non esiste alcun ricorso sulle concessioni balneari che sono state firmate qualche settimana fa nel Comune di Castiglione della Pescaia. Lo comunica il sindaco Giancarlo Farnetani. "L’autorità legale del mercato ha iniziato alcune verifiche necessarie e legittime – inizia il primo cittadino di Castiglione della Pescaia - nel rispetto della normativa europea dopo le proroghe delle concessioni balneari. Due i campi di intervento per eventuali irregolarità: una segnalazione su eventuali mancanze oppure la certificazione con obbligo di mettersi in regola. A noi è arrivata solo una segnalazione per alcuni chiarimenti". Nessun ricorso al Tar, dunque, fatto dal Comune di Castiglione della Pescaia. "Non riesco a capire come si faccia a dire una cosa del genere – ha aggiunto Farnetani - Noi abbiamo rispettato tutta la procedura della direttiva Bolkestein. In Toscana gli unici ricorsi, per il momento, sono stati fatti dal Comune di Piombino e da quello di Massa Carrara. Perchè quelle procedure non avrebbero rispettato l’evidenza pubblica che è necessaria come dice la legge". Il Comune di Castiglione della Pescaia invece, ha rispettato tutto, come sostiene il sindaco Giancarlo Farnetani. "Abbiamo già risposto alla richiesta di chiarimenti necessari con una lettera – aggiunge il primo cittadino – Abbiamo pubblicato on line tutte le domande dei concessionari. A fronte di questo ci sono state, e le abbiamo regolarmente registrate, anche le domande di altri concorrenti che, in libero mercato, sono state scartate. La procedura dell’evidenza pubblica è stata ampiamente rispettata".