Costa Concordia
Costa Concordia

Giglio (Grosseto), 12 gennaio 2021 - Tutto pronto all’Isola del Giglio per le commemorazione del IX anniversario del naufragio della Costa Concordia, la nave da crociera che il 13 gennaio del 2012 collise con il basso fondale sugli scogli delle Scole e dove morirono 32 persone. Come ogni anno, dunque, l’isola del Giglio ricorda quella che è considerata la più grande tragedia della sua storia: quando il transatlantico con oltre 4mila persone a bordo, per colpa del suo comandante, si schiantò su uno scoglio. Una tragedia che causò 32 morti, come detto, e che portò alla condanna di Francesco Schettino a 16 anni di carcere. «A causa delle precauzioni dovute alla pandemia da Covid – ha detto il sindaco del Giglio, Sergio Ortelli – la ricorrenza sarà partecipata da un numero limitato di persone, strettamente locali. Pertanto, dovendo osservare il rigoroso distanziamento tra le persone, gli inviti per la cerimonia non verranno estesi come per gli anni scorsi». E’ probabile, comunque, che arrivino anche dei naufraghi, che avevano fatto richiesta di arrivare sull’Isola anche in questa occasione, per ricordare quella è considerata una delle più grandi tragedie della storia della marineria mondiale. Il programma di domani prevede alle 11 a Giglio Porto la Messa che sarà celebrata dall’allora parroco don Lorenzo Pasquotti.

Quest’anno si potrà assistere alla messa in diretta collegandosi al sito di Giglionews. Alle 12.15 a Punta Gabbianara, il punto dove la nave naufragò sugli scogli, verrà deposta una corona di fiori in ricordo delle trentadue vittime. Alle 21.45 invece, alla lapide commemorativa sul molo Rosso, ci sarà una preghiera per le vittime e la benedizione. La processione non verrà fatta. Alle 21’45 e 7 secondi, il momento esatto che la nave colpì lo scoglio, ci sarà la classica «tufata» di sirene nel porto.