A Castel del Piano la Medicina si allarga

Il reparto adesso ha 20 posti letto divisi fra 4 camere doppie e 12 singole

A Castel del Piano la Medicina si allarga

Taglio del nastro ieri mattina del nuovo reparto di Medicina a Castel del Piano

È stata inaugurata ieri la degenza della Medicina interna dell’ospedale amiatino. La rimodulazione del servizio ha interessato sia i posti letto che il modello di assistenza infermieristica ed è frutto dell’attuazione di un progetto di umanizzazione delle cure che ha portato numerosi benefici per i pazienti: incremento dei posti di degenza, che diventano 20 suddivisi in 16 stanze, di cui (e questo è senza dubbio un grande valore aggiunto) 12 singole e 4 doppie.

La presenza di stanze singole, che saranno dotate anche di poltrone e televisione, consente di organizzare locali distinti per genere e, se necessario, di migliorare l’isolamento strutturale per garantire più sicurezza e maggior rispetto della privacy ai ricoverati. Inoltre, grazie alla riapertura della sala di soggiorno, viene migliorato il comfort residenziale, la socializzazione e la relazione tra i degenti e i loro familiari e caregiver.

"Il progetto ha portato alla creazione di una Area di degenza molto più confortevole e rappresenta un’esperienza pilota nell’ambito della umanizzazione delle cure ospedaliere – è il commento della direttrice sanitaria della Asl Toscana Sud Est, Assunta De Luca –. Si punta a valorizzare il setting di degenza garantendo anche maggiore sicurezza e riservatezza". "Il dipartimento professioni infermieristiche e ostetriche ha dato il proprio contributo in questo progetto, orientando le cure alla relazione", ha ha dichiarato Vianella Agostinelli, direttrice del Dipartimento. Per Paolo Corradini, direttore della Medicina interna questo nuovo assetto "mette in condizione di gestire in maniera ottimale i pazienti con patologie che richiedono isolamento per la sicurezza loro, degli altri ricoverati e degli operatori". Soddisfatto Michele Bartalini, sindaco di Castel del Piano che ringrazia "chi si è impegnato in questo progetto".