GIAMPAOLO MARCHINI
Sport

Milenkovic in bilico fra l’Inghilterra e il Milan Ma Ringhio proverà a fargli cambiare idea

Migration

di Giampaolo Marchini

Sarà l’uomo mercato, in un modo o in un altro. Da cessione eccellente, oppure a conferma di spessore. Ma il futuro di Nikola Milenkovic non è ancora stato scritto e deciso. L’intervista rilasciata ai canali social della società, quando mancavano poche giornate alla fine della stagione, è stata letta come un addio anticipato, anche se il difensore non ha mai veramente lasciato trasparire un’opzione del genere. Ma l’aria di divorzio è stata percepita da più parti, soprattutto dai club interessati. Prima però di addentrarci sulle possibili destinazioni del numero 4 viola, bisogna registrare un particolare non da poco.

Gattuso, come sappiamo, ha prima di tuffarsi sui nomi ’nuovi’ ha intenzione di valutare cosa c’è già in casa. Anche quei giocatori che sono dati in partenza, come Milenkovic, appunto. Vuole parlare direttamente Ringhio. Vuole capire se esistono ancora margini di manovra per tenere ancora ancorato alla causa viola anche chi – in teoria – ha fatto altre scelte in tempi non sospetti. E dunque Gattuso avrà un colloquio con Milenkovic per valutare se esistono ancora dei margini di manovra, altrimenti anche lui allargherà la braccia e darà il via libera alla cessione. O meglio, lascerà che il mercato faccia il suo corso. Se da una parte il dialogo con Vlahovic (e il suo agente) può portare a un accordo che vada nella direzione della Fiorentina, più difficile che questo possa accadere con il ragazzo di Belgrado.

Il Milan è quello che ha fatto più di un pensiero, considerato che Pioli è un estimatore del centrale di difesa. In ogni caso i rossoneri al momento potrebbero non affondare il colpo, ’distratti’ dall’operazione che deve portare Fikayo Tomori definitivamente a Milanello; anche se il Chelsea non farà sconti, esigendo tutti i 28 milioni pattuiti (raggiungibili anche in modo rateale). Milenkovic resta l’alternativa più credibile che però ha mercato in Italia – nelle ultime ore si sarebbe riacceso l’attenzione della Juventus di Allegri – e anche in Premier, nonostante una stagione che è stata difficile per tutti. Manchester United, da sempre sulle tracce del difensore serbo; e West Ham le più interessate. Ricordiamoci anche che la Fiorentina, per farlo partire, non farà sconti. Anche se andrà a paramento zero nel 2022.