Firenze, 8 novembre 2019 - Un minuto di silenzio per i Vigili del Fuoco morti ad Alessandria, e «per questa splendida comunità»: così Matteo Salvini, segretario della Lega, ha aperto l'incontro di oggi a Firenze con la stampa.

«Le scelte per la Toscana le fanno i toscani: vorrei che a guidare la Regione di qui ai prossimi anni fosse un amministratore locale», ha detto Salvini parlando delle elezioni regionali del 2020 (clicca qui per l'intervista a Salvini). «Sabato 30 tornerò a Firenze per una cena con più di 1.000 persone», ha poi spiegato Salvini, auspicando che «per quella data avremo scelto il governatore che guiderà la Toscana per i prossimi 10 anni».

Salvini ha parlato poi di temi nazionali: «Io querelo poco e niente, ma oggi un po' di gente la querelo, visto che dicono che abbiamo azioni o bond di Arcelor Mittal: roba assolutamente fantasiosa», ha detto Salvini riguardo alla vicenda ex Ilva. «Noi - ha aggiunto - facciamo una battaglia in difesa di un'azienda fondamentale per l'industria italiana. Facciamo una battaglia per un'Italia competitiva, non perché abbiamo azioni o bond di qualcuno, quindi da Di Maio in giù, da Repubblica in giù, quereliamo tutti quelli che dicono il falso».

Riguardo alla situazione del governo, Salvini ha così commentato: «Nessun paese europeo è ostaggio di un governo così incapace come quello italiano: questo governo prima cade e meglio è», per poi aggiungere: «Italia Viva per il momento sta mettendo i bastoni fra le ruote a Conte e Zingaretti: auguro lunga vita a Italia Viva».

Riguardo al caso della senatrice a vita Liliana Segre, Salvini ha detto: «Massimo sostegno e solidarietà a Liliana Segre» ma «è surreale che ci siano minacce di morte di serie A e B, quasi che scrivere su un muro ' Salvini crepa' fosse un passatempo da democratici di sinistra. Io non minimizzo niente», ha sottolineato.