Firenze, 3 settembre 2018 - Mangiare mentre si cammina va bene, ma guai a chi si sofferma o addirittura si siede col panino in mano: da martedì 4 settembre in via dei Neri, nel Piazzale degli Uffizi, in Piazza del Grano e in Via della Ninna fino al 6 gennaio 2019, fra le 12 e le 15 e successivamente fra le 18 e le 22, sarà vietato consumare alimenti soffermandosi e trattenendosi, anche singolarmente, sui marciapiedi, sulle soglie di negozi e abitazioni e sulle carreggiate. Costerà caro trasgredire: è prevista una sanzione che andrà da 150 a 500 euro (167 euro il pagamento in misura ridotta per chi salderà entro 60 giorni).

Lo prevede un’ordinanza del sindaco Dario Nardella sulle ‘Misure di prevenzione e tutela della vivibilità e del decoro di via de’ neri e aree limitrofe’. A controllarne l’applicazione sarà la Polizia municipale.

Gli esercenti dovranno esporre ben visibile alla propria clientela l’apposita grafica realizzata dal Comune (nella foto) che sintetizza i contenuti dell’ordinanza, in italiano e inglese.

La grafica del Comune contro il "mangificio"

Nell’ordinanza si ricorda che in via dei Neri operano alcune attività di somministrazione di alimenti e bevande con asporto e che con l’inizio della stagione estiva, soprattutto negli orari dei pasti, i clienti “hanno iniziato a fermarsi all’esterno delle stesse ed a consumare gli alimenti, invadendo, in particolare, i marciapiedi nonché le soglie di negozi e abitazioni dando luogo a una situazione lesiva del decoro e della vivibilità dell’area, anche alla luce del valore di particolare pregio della stessa che è sita all’interno dell’area Unesco”.

Nel testo viene anche ricordata la rissa del 20 agosto scorso tra alcuni turisti e un negoziante. Il testo sottolinea come “è stato ripetutamente richiesto dai cittadini, tramite la centrale operativa, l’intervento della Polizia Municipale al fine di garantire la vivibilità dell’area” e che questi comportamenti “sfuggono ai divieti previsti dall’articolo 15 del Regolamento comunale di Polizia Urbana che vieta di bivaccare, mangiare, bere in forma palesemente indecente o occupando, con sacchetti o apparecchiature, il suolo pubblico”.

“Al fine di garantire il decoro e la vivibilità dell’area di Via dei Neri – prosegue il testo - si rende necessario imporre il divieto di consumare alimenti soffermandosi e trattenendosi, anche singolarmente, sui marciapiedi e sulle soglie di negozi e abitazioni e sulla carreggiata; inoltre al fine di prevenire che il citato fenomeno si sposti in aree adiacenti e, in particolare, nello spazio antistante la Galleria degli Uffizi e Palazzo Vecchio, ovvero il Piazzale degli Uffizi e Piazza del Grano, e in via della Ninna, si rende necessario estendere il divieto, in funzione preventiva, anche alle suddette aree, tutte pedonali”.