Trasporto pubblico, si cambia. Il biglietto ora si fa con la carta di credito. La manovra anti "portoghesi"

Via al progetto di At Tip Tap. Il ticket fatto con il contactless non avrà costi aggiuntivi. I controllori, cliccando sull’obliteratrice, potranno verificare se si è pagato. La promozione dal 10 aprile .

Trasporto pubblico, si cambia. Il biglietto ora si fa con la carta di credito. La manovra anti "portoghesi"

Trasporto pubblico, si cambia. Il biglietto ora si fa con la carta di credito. La manovra anti "portoghesi"

Non ci sono più scuse per i portoghesi di bus e tramvia: con la novità introdotta da Autolinee Toscane ora è praticamente impossibile non avere il biglietto, anche perché fisicamente non serve più. È una rivoluzione per il trasporto pubblico toscano, già iniziata in sordina dall’8 gennaio, ma che dal 28 marzo sarà attiva su tutti gli autobus di At e sulla tramvia. Il biglietto lo si può fare a bordo senza costi aggiuntivi con una semplice carta di credito contactless (o di debito, o smartphone abilitato) dei circuiti Mastercard, Visa e American Express, avvicinandola al nuovo validatore: ne sono stati montati 6mila con notevole sforzo logistico, durante i festivi e in notturna quando i bestioni di ferro erano a riposo.

È Tip Tap, il progetto sviluppato da At in collaborazione con Visa – già partner di analoghe iniziative nel mondo e in 30 città italiane, ma questa è la prima volta che viene fatto su una regione intera – e che in questi due mesi e mezzo ha già visto 50mila "tap" in tutti e 273 i Comuni serviti, il 40% fatti dai turisti già abituati alle soluzioni tecnologiche. Avvicinata la carta al validatore sarà facile capire se l’acquisto del biglietto virtuale è andato bene: se la luce è verde, il ticket è acquistato, se è rossa no.

Se poi si usano più mezzi con lo stesso biglietto si dovrà rifare tap a ogni nuova salita. Il sistema riconoscerà la carta e non addebiterà altre corse. Questo è anche il motivo per cui con ogni carta si può comprare un solo biglietto, quindi ogni viaggiatore dovrà utilizzarne una diversa. Attenzione però: per tutte le linee che non siano quelle urbane sarà necessario fare tap anche all’uscita, altrimenti si paga l’intera tratta fino al capolinea. Per semplificare le cose At ha identificato le linee per colore: quelle a tariffa extraurbana in blu; quelle a tariffa extraurbana veloce con il viola; quella a tariffa mista, (che sono urbane o extraurbane a seconda dei tratti del percorso), in arancione: su tutte queste tre si dovrà riavvicinare la carta al lettore anche all’uscita. Su quelle urbane (color verde giada), non importa.

Il controllore potrà verificare se si è pagato mettendo il validatore in apposita modalità. Ma c’è un’altra bella novità per promuovere questa iniziativa, che oltre ad essere comoda è anche ecologica: dal 10 aprile al 5 maggio, Visa, a chi farà tap con carte del proprio circuito, offrirà il viaggio.

Carlo Casini

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro