Spray urticante a scuola. All’ospedale 21 studenti: "È scattato il panico. Sporgeremo denuncia"

L’episodio dopo la campanella nei corridoi dell’istituto Elsa Morante. Duecento persone allontanate dalla scuola, arrivano i vigili del fuoco. La preside: "Nessuno in pericolo, mai più episodi del genere".

Spray urticante a scuola. All’ospedale 21 studenti: "È scattato il panico. Sporgeremo denuncia"
Spray urticante a scuola. All’ospedale 21 studenti: "È scattato il panico. Sporgeremo denuncia"

di Rossella Conte

Con lo spruzzo di uno spray al peperoncino nei corridoi dell’istituto superiore Morante - Ginori Conti, in via Chiantigiana, 21 ragazzi sono finiti in ospedale in via precauzionale mentre circa 200 sono stati evacuati nel cortile. La direzione dell’istituto ha chiesto l’intervento del 118 dopo che gli alunni avevano accusato problemi respiratori e bruciori agli occhi. Sul posto anche i vigili del fuoco e i carabinieri che hanno avviato accertamenti. A provocare le difficoltà respiratorie è stato uno spray al peperoncino spruzzato intorno alle 8.10 nel corridoio al primo piano. "Alcuni studenti e professori hanno accusato prurito, mal di testa, nausea. In particolare, una ragazza ha cominciato a non star bene, altri ad avere fastidi alla gola. Abbiamo chiamato i soccorsi e anche alcuni dei docenti, volontari presso le Misericordie, si sono attivati per assistere soprattutto chi aveva problemi anche di asma per evitare ulteriori complicazioni" sottolinea la dirigente dell’istituto, Laura Giannini che denuncerà alle autorità competenti l’episodio.

"C’erano dei custodi che ci hanno fornito delle mascherine, alcuni compagni stavano vomitando. Sono stati 15 minuti di panico" si sfoga uno studente. "Io ero appena arrivato a scuola, stavo per entrare in aula, al primo piano, quando ho visto alcuni compagni correre verso le scale. Una mia amica si è seduta a terra. C’è stato un fuggi fuggi generale" alza le spalle un’altra ragazza. Anche alcuni genitori, non appena venuti a conoscenza dell’accaduto, si sono precipitati sul posto per accertarsi delle condizioni dei propri figli.

"Ma la situazione nel giro di due ore è tornata alla normalità. Alle 10 eravamo di nuovo tutti in classe, per fortuna non è successo niente di grave – prosegue Giannini – e nel giro di pochi minuti sono arrivate le ambulanze". Secondo quanto ricostruito, l’istituto è stato evacuato secondo il piano di sicurezza interno. I vigili del fuoco intervenuti anche con il Nucleo biologico chimico radiologico, hanno effettuato i rilievi strumentali all’interno dei locali che hanno riportato esito negativo: l’ipotesi sulla cause è che sia stato spruzzato, all’interno dell’istituto, spray al peperoncino, l’apertura delle finestre ha poi probabilmente fatto disperdere la sostanza urticante. A seguito dei malesseri sarebbero 21, secondo quanto appreso, le persone portate in ospedale, tutte in codice verde. In particolare in 7 sono al Meyer - nessuno è grave e la situazione è in via di risoluzione secondo quanto appreso -, 9 all’ospedale Santa Maria Annunziata e 5 a Santa Maria Nuova. "Sporgeremo denuncia – prosegue Giannini – e mi auguro che i responsabili verranno individuati. Prenderemo i provvedimenti del caso, è molto probabile che si tratti di un’azione individuale. Episodi come questi non devono più accadere". Per la dirigente dell’Istituto potrebbe trattarsi di un gesto emulativo "alcuni volontari ci hanno riferito che ci sono stati episodi simili in altre scuole . Noi con i nostri docenti di educazione civica - conclude - inviteremo i ragazzi a riflettere sulla pericolosità di simili azioni".

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro