Susanna Ceccardi con lo spray al peperoncino in distribuzione
Susanna Ceccardi con lo spray al peperoncino in distribuzione

Firenze, 28 settembre 2018 - "Le donne non si toccano" e per aumentarne la sicurezza in Toscana la Lega donerà lo spray al peperoncino (fino ad esaurimento scorte). Durante l'autunno sarà distribuito in tutte le province in gazebo ad hoc del Carroccio e sarà consegnato solo dopo un breve corso di formazione per l'utilizzo dello strumento, che ha una gittata di circa tre metri.

 

La Lega per ora ne ha ordinati 500, però "il numero salirà, visto il successo che l'iniziativa ha riscosso a Prato", assicura Elena Vizzotto, responsabile regionale della politiche femminili del partito. Nei gazebo, inoltre, "saranno raccolte firme per chiedere alle amministrazioni locali di promuovere i corsi di autodifesa femminile e di farsi carico delle forniture di spray da donare alle cittadine che ne faranno richiesta", aggiunge Vizzotto.

image

La Lega, poi, si muoverà anche sul livello istituzionale: la capogruppo in Consiglio regionale Elisa Montemagni e il responsabile Enti locali Andrea Barabotti promuoveranno un documento di indirizzo dove sarà chiesto ai Comuni la promozione dei corsi di autodifesa e la fornitura di spray urticante. Si tratta "di una battaglia per tutte le donne, che quindi non ha colore politico", sottolinea Montemagni rivolgendosi agli altri partiti.

'Madrina' dell'iniziativa, come la introduce Barabotti, la sindaca Susanna Ceccardi, la prima a donare a Cascina le mini bombolette urticanti: "Spruzzare lo spray al peperoncino in faccia all'aggressore, al malintenzionato, al rapinatore o al violentatore, e' legittima difesa. Questa e' un'iniziativa nel solco della legittima difesa", spiega subito la neo consigliera del vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini.