Cristian Ortis
Cristian Ortis

Firenze, 15 febbraio 2020 - Non ne potevano più di vedere la propria strada violentata dai soliti incivili che pur di non spostarsi di pochi metri si liberano dei propri mozziconi ovunque e sempre fuori dal cestino. Così hanno deciso di rimboccarsi le maniche e lanciare un’iniziativa: chi raccoglie 30 grammi di resti di sigarette (quasi un bicchiere) e li consegna ha un caffè in omaggio. E’ la campagna di sensibilizzazione ambientale, per il rispetto di Firenze, lanciata dal Bar H9 di via dell’Ariento. Angelo Ortis e Rosaria i titolari amano il proprio rione come se fosse casa loro.

Ed è per questo che tutte le mattine e tutte le sere prima di chiudere, spazzano in lungo e in largo, la propria strada. Raccolgono bicchieri di plastica, i cocci abbandonati e si preoccupano di buttare l’acqua dove necessario. «Ci sono cicche di sigarette ovunque – spiega Angelo Ortis -, in via dell’Ariento, via Panicale fino a via Faenza. Non ne possiamo più di vedere la città, e il nostro quartiere, così sporchi. Per questo abbiamo deciso, nel nostro piccolo, di lanciare questa iniziativa sperando che anche altri locali facciano lo stesso. E’ un modo per sensibilizzare chi vive questo quartiere e soprattutto i giovani. La città è di tutti e ognuno deve fare qualcosa, non si può fare finta di niente".

Da quando Angelo e Rosaria hanno lanciato l’invito green in diversi si sono presentati col bicchiere colmo di mozziconi per chiedere in cambio una tazzina di caffè e contribuire così alla pulizia del territorio e a impedire che questi resti di sigarette ci facciano compagnia per terra, sui marciapiedi o peggio in mezzo al verde.
Adulti ma anche tanti studenti. Persone accomunate dall’amore per la propria città. "Noi lavoriamo in San Lorenzo dal 1981 e ci siamo sentiti in dovere di fare qualcosa. Ci auguriamo – conclude Angelo Ortis - che la nostra iniziativa sia un segnale per tutti, residenti e turisti, commercianti e passanti: un invito a dedicare molta più attenzione all’ambiente e alla sua pulizia".

Rossella Conte
© RIPRODUZIONE RISERVATA