Le sigarette cinesi sequestrate
Le sigarette cinesi sequestrate

Firenze, 14 agosto 2019 - Aveva trenta chili di sigarette di marche cinesi. La Guardia di Finanza ha sorpreso all'aeroporto di Firenze una cittadina cinese in arrivo da Pechino via Parigi con, occultate nei bagagli, 150 stecche di sigarette di contrabbando. La donna, arrivata all'aeroporto, aveva affermato di non avere nulla da dichiarare. Ed è invece stata denunciata per violazione delle leggi doganali. La merce è stata posta sotto sequestro.

La normativa sul contrabbando di sigarette prevede sanzioni di carattere anche penale per chi viene scoperto a trasportare illecitamente prodotti del tabacco, in alcuni casi, con la reclusione fino a cinque anni nonché una multa pari a 5 euro per ogni grammo convenzionale di prodotto che si è tentato di introdurre illecitamente sul territorio.

I controlli sono stati effettuati dai funzionari dell'Agenzia Dogane e Monopoli (ADM) dell'Aeroporto di Firenze Peretola e dai militari del 1° Nucleo Operativo Metropolitano del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Firenze