Scuola cani guida cerca quindici famiglie per affidare i cuccioli

Si tratta dei futuri amici a quattro zampe per le persone non vedenti e da allerta medica. L'appello del presidente della Regione Giani: "Fatevi avanti"

I cuccioli arriveranno la prossima settimana

I cuccioli arriveranno la prossima settimana

Firenze, 25 settembre 2023 –  Arrivano alla Scuola cani guida di Scandicci quando hanno appena compiuto due mesi e subito sono affidati alle famiglie che, per circa un anno, li accompagnano nella crescita e li aiutano a prendere confidenza con il mondo. Sono i cuccioli destinati a diventare cani guida per persone non vedenti e da allerta medica della Scuola nazionale cani guida per ciechi – l’unica pubblica in Europa e la più antica al mondo insieme alla statunitense “Seeing Eye” - che, come accade spesso durante l’anno, sta cercando famiglie disposte a condividere questo importante percorso. I primi cuccioli (di razza labrador e golden retriever) arriveranno già la prossima settimana, ma entro febbraio 2024 ce ne saranno altri: servono almeno una quindicina di famiglie. Chi vuole farsi avanti, questo è il momento giusto.

“La Scuola Cani Guida di Scandicci è un’istituzione di cui siamo fieri ed orgogliosi come Regione. Sono necessarie famiglie disponibili ad accogliere i cuccioli” sottolinea il presidente della Toscana, Eugenio Giani. Da quest’anno, novità assoluta, alcuni cuccioli selezionati (quattro in arrivo a gennaio) saranno istruiti anche per diventare cani da allerta medica: amici a quattro zampe capaci di ‘fiutare’ crisi glicemiche che saranno messi a disposizione di bambini diabetici nell’ambito di un progetto in cui è coinvolto direttamente l’ospedale Meyer di Firenze.

Una funzione ‘salvavita’, ma anche un aiuto per una maggiore autonomia e indipendenza della persona. Tutte le spese di mantenimento e di cura veterinaria del cucciolo sono a carico della Regione. Occorre però avere tempo a disposizione da dedicare e vivere in un contesto che permetta la socializzazione del cucciolo. 

“Con l’impiego dei cani da allerta medica potenzieremo gli interventi tesi a migliorare la qualità della vita dei pazienti diabetici” aggiunge l’assessore al diritto alla salute, Simone Bezzini. “Si tratta di una nuova attività – commenta l’assessora regionale alle politiche sociali, Serena Spinelli -  che va ad aggiungersi a quelle già svolte da un’eccellenza della Regione Toscana come la Scuola cani guida per ciechi di Scandicci”.

II cuccioli diventati adulti, dopo il periodo in famiglia, seguiranno un percorso diverso a seconda che siano destinati a svolgere il ruolo di cani da allerta medica o quello di cani guida. Nel primo caso saranno inseriti direttamente all'interno della famiglia nella quale vive il bambino diabetico, mentre nel secondo rientreranno alla scuola per iniziare il vero e proprio percorso di istruzione che durerà sei mesi e al termine del quale saranno affidati ad una persona non vedente. Chi ama gli animali e desidera mettersi al servizio degli altri può rivolgersi alla Scuola Cani Guida per avere informazioni: telefonando allo 055.4382850 dalle 7 alle 13 dal lunedì al sabato oppure inviando una mail a [email protected].

E' preferibile che le famiglie interessate ad aderire al progetto di affidamento siano residenti a Firenze e provincia, ma è comunque possibile collaborare anche con chi abita più lontano: l'importante è che le famiglie siano disponibili a frequenti spostamenti per raggiungere la scuola, per le opportune verifiche e controlli.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro