La preside Francesca Lascialfari
La preside Francesca Lascialfari

Firenze, 19 gennaio 2020 - Non è andato a scuola ieri mattina il 14enne schiaffeggiato dal prof dell’alberghiero Saffi che avrebbe dato in escandescenze perchè il giovane si era un po’ stiracchiato durante la lezione. «Mio figlio vuole solo dimenticare quello che è successo - dice la mamma, dopo il grande choc -. Adesso ha bisogno di tranquillità». La signora è netta: «Ci sono tanti modi per rimproverare i ragazzi. È vero che non ci si stiracchia a lezione. Su questo non ci sono dubbi. Il professore avrebbe potuto però mettere una nota, buttarlo fuori dall’aula… Ma lo schiaffo proprio no. Un’umiliazione. Per mio figlio, che ora fisicamente sta bene, è stato un trauma psicologico difficile da superare». Per questo la famiglia intende andare fino in fondo, tramite il proprio legale. «Ieri mattina mi ha chiamato la dirigente scolastica, Francesca Lascialfari, ed anche lei mi ha detto che adesso è il momento di parlare, di dire finalmente quello che non va con questo insegnante», riferisce la signora. Di voci sul prof di cucina ne girano tante. «E’ chiaramente una persona inadatta all’insegnamento - ribadisce la mamma del 14enne -. Un bravo docente deve sapersi controllare. Lo capiamo tutti quanto sia stressante oggi stare in cattedra. Ma non si può reagire così. È giusto far capire che la disciplina nel settore alberghiero è fondamentale. Probabilmente questi ragazzi vedranno volare pentole nei ristoranti in cui saranno impiegati. È un mestiere difficile e può succedere. Ma a scuola gli scatti d’ira non sono ammessi». E ancora: «Questo docente è sulla bocca di tutti per essere una persona molto particolare. Nelle chat d’istituto non si parla d’altro. Siamo tutti sconvolti». «Mi dispiace per quel che è successo al collega - sospira un docente -. Lo conosco perchè abbiamo iniziato insieme il percorso. Lui è bravo tecnicamente ma è legato ad un’idea di disciplina che poteva andar bene un tempo». Da parte sua, la preside Lascialfari ha informato l’Usr. «Abbiamo ricevuto una telefonata - fa sapere Roberto Curtolo, direttore dell’Usp -. Non appena riceveremo gli atti ci attiveremo. Contiamo già da domani di far partire tutta la fase di accertamento». Una volta accertati i fatti, continua Curtolo, «il procedimento si concluderà con un provvedimento disciplinare, in base alla gravità di quanto avvenuto, oppure con l’archiviazione». Ovvio, verrà analizzato anche «il pregresso del docente» e, quindi, altri eventuali casi di scoppi d’ira in classe. Elettra Gullè