Firenze, 26 giugno 2018  - Le immagini sono drammatiche. Raccontano l’ennesima notte di violenza gratuita fatta di alcol, droga, calci, spintoni. Tirati a caso, nel mucchio. E che questa volta non risparmiano donne e disabili. Via Palazzuolo, sabato esterno notte. L’orrore ha attraversato ancora una volta la strada che collega piazza Santa Maria Novella a Porta al Prato, una zona franca dove ognuno si sente ormai autorizzato a fare quello che gli pare. Nel corso degli anni, la via è stata più volte teatro di violenza gratuita ma le mani addosso a una donna e a un ragazzo disabile, quelle no. Non si erano mai viste.

Ma partiamo dalle immagini: sono circa le due di notte, una donna scende dalla macchina, urla contro un gruppo di cinque persone provenienti probabilmente dal nord Africa e dall’est Europa: «E’ un disabile, cosa fate, vi rendete conto». Loro la strattonano, lei cerca di difendersi e con coraggio tira uno schiaffo a un componente del branco, per tutta risposta la scaraventano a terra.

E’ il prezzo da pagare per il senso civico a quanto pare. Secondo una prima ricostruzione, infatti, la colluttazione sarebbe nata perché la ragazza, alla vista di un’accesa rissa fra stranieri («Sono volate anche alcune bottigliate» raccontano alcuni testimoni), ha chiamato il 113. La donna di 24 anni era in macchina con un ragazzo disabile (è lei stessa a sottolinearlo, ndr) quando vedendo la zuffa - sembra nordafricani contro alcuni soggetti dell’est Europa - si è soffermata è ha composto il numero di telefono del pronto intervento.

Ma qualcuno, tra i protagonisti del duello, si è accorto che da quella macchina stava partendo una telefonata «pericolosa» e ha abbandonato il confronto in cui era impegnato per ‘risolvere’ la questione. Uno dei contendenti ha preso per il collo il conducente dell’auto e quando la ragazza è scesa per intervenire è stata strattonata e buttata a terra. L’episodio è stata immortalato da un gruppo di residenti infuriati per le continue risse, cazzotti e perfino minacce di morte.

E questa volta i documenti finiscono in un video e le immagini allora valgono più delle parole. Infatti, la nottata di via Palazzuolo non è finita con le bottigliate e gli spintoni contro una donna. No, dal video si vede chiaramente che il gruppo di contendenti si sposta di alcuni metri.

Questa volta sono in tre che se le danno di santa ragione mentre altri due prendono tempo per andare a cercare qualcosa, forse la droga che è finita tra le auto, come si vede dal filmato. A questo punto la telecamera si sposta sui due gruppi di stranieri che quasi si ammazzano. Un crescendo di tensione: sono in due contro uno. Il più robusto cerca di tenere l’avversario mentre l’amico lo riempie di pugni e calci. Lo afferra, stringe la presa e lo scaraventa di nuovo. Le immagini mettono i brividi.

«Siamo stanchi – dice Andrea Boccacelli, portavoce del comitato Palomar Palazzuolo -, ci sentiamo abbandonati, riconosciamo la vicinanza della polizia, i cui controlli sono di sicuro aumentati, ma non basta. Le donne hanno paura a rientrare in casa, i ragazzi a uscire. Non è vita. Che qualcuno intervenga seriamente prima che qualcuno si faccia male o succeda qualcosa di molto più grave».