Abi, dimezzate nel 2023 le rapine in banca in Toscana

Sono state cinque contro le dieci dell'anno scorso

Meno rapine nelle banche toscane

Meno rapine nelle banche toscane

Firenze, 14 maggio 2024 - Dimezzate le rapine in banca in Toscana. Nel 2023 sono stati 5 i colpi allo sportello fatti nella regione contro i 10 del 2022, con un calo del 50%. È questa la fotografia che emerge dai dati di Ossif, il Centro di ricerca Abi in materia di sicurezza, dai quali risulta anche un calo del fenomeno a livello nazionale: complessivamente le rapine in banca sono passate da 124 del 2022 alle 80 del 2023 (-35,5%). Nel 2023, cala anche il cosiddetto indice di rischio - cioè, il numero di rapine ogni 100 sportelli - che è passato da 0,6 a 0,4 a livello nazionale e da 0,6 a 0,3 in Toscana.

In particolare le 5 rapine sono avvenute 3 in provincia di Lucca (1 invece quella registrata nel 2022), 1 in quella di Firenze (3 nel 2022) e 1 in quella di Prato (non ce ne erano state l'anno scorso). Le banche italiane, si ricorda da Abi, "investono ogni anno circa 500 milioni di euro per rendere le proprie filiali ancora più protette e sicure.

Adottando misure di protezione sempre più moderne ed efficaci e formando i propri dipendenti anche attraverso un'apposita 'Guida alla sicurezza per gli operatori di sportello', realizzata da Ossif in collaborazione con il ministero dell'Interno e le Prefetture". "Grande merito - si spiega poi - è da attribuire anche al nuovo Protocollo d'intesa tra l'Abi e le Prefetture per la prevenzione della criminalità ai danni delle banche e della clientela che, attraverso dialogo, scambio di informazioni, strumenti di valutazione del rischio e misure di sicurezza, contrasta in modo sempre più efficace il fenomeno criminale delle rapine in banca".

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro