Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
21 mag 2022

Petizione per ’salvare’ l’Odeon Arriva la risposta di Giunti–Germani

Incontro aperto alla cittadinanza con i proprietari del locale e la casa editrice sui dettagli del progetto

21 mag 2022
La storica sala del cinema teatro Odeon, al centro di un progetto di trasformazione
La storica sala del cinema teatro Odeon, al centro di un progetto di trasformazione
La storica sala del cinema teatro Odeon, al centro di un progetto di trasformazione
La storica sala del cinema teatro Odeon, al centro di un progetto di trasformazione
La storica sala del cinema teatro Odeon, al centro di un progetto di trasformazione
La storica sala del cinema teatro Odeon, al centro di un progetto di trasformazione

Appelli e controappelli, ma con lo stesso identico scopo dichiarato: salvare il cinema Odeon.

La querelle è nata in seguito al progetto presentato dalla famiglia Germani, proprietaria del locale, insieme a Giunti Editore, per trasformare il cinema di piazza Strozzi in un luogo polifunzionale, con una libreria, spazi di studio, lettura e convivialità.

Ma cosa rimarrà della storica sala cinematografica quando tutto ciò sarà realizzato?

Se lo sono domandato i firmatari della petizione, con la quale si chiede di garantire "pubblicamente che l’integrità e l’estetica del cinema Odeon saranno rispettate, che la platea e la galleria non saranno alterate o ridimensionate, e che non saranno inserite nella sala strutture che ne modifichino il fascino, l’identità storica e la funzione cinematografica".

A firmare in difesa della sala realizzata da Alfonso Coppedè e Marcello Piacentini, sono stati 48 operatori della cultura e del cinema di Firenze, da Serra Yilmaz a Drusilla Foer, con un appello al presidente della Toscana Eugenio Giani, al sindaco Dario Nardella, alla proprietaria dell’Odeon Gloria Germani, all’ad di Giunti editore Martino Montanarini e al soprintendente Andrea Pessina.

I firmatari, che si dicono "fiduciosi della serietà e reputazione dei soggetti privati coinvolti", chiedono anche alle istituzioni pubbliche "che siano subito avviate iniziative di confronto con la proprietà e i suoi partner sul progetto ‘Giunti-Odeon’ verificando che queste condizioni siano rispettate e garantite. Conosciamo le gravi difficoltà del settore culturale e cinematografico, molti di noi le affrontano faticosamente tutti i giorni. Ma non possiamo rischiare di perdere l’identità di un simbolo della cultura fiorentina, qual è il Cinema Odeon", si spiega.

Un risultato intanto è già stato raggiunto: martedì mattina nella sede della casa editrice Giunti, in via Bolognese 165 alle 11, è fissato un incontro per presentare alla cittadinanza nuovi dettagli sul progetto Giunti-Odeon. L’evento sarà trasmesso in diretta sulla pagina facebook del Cinema Teatro Odeon, con l’intervento di Gloria Germani e di Martino Montanarini.

Olga Mugnaini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?