MANUELA PLASTINA
Cronaca

Ora il compagno di banco è virtuale E’ il gemellaggio fra scuole europee

Lezioni nel cyberspazio e scambio di esperienze fra gli studenti della Fermi e coetanei turchi e polacchi

Migration

di Manuela Plastina

Si chiama "eTwinning" ed è un’esperienza particolare di gemellaggio elettronico tra scuole di paesi diversi. L’hanno potuta vivere con grande entusiasmo gli studenti delle prime classi delle medie dell’istituto comprensivo di Figline. Le sezioni E, F, G e H hanno utilizzato la piattaforma online di conoscenza tra partner europei collegandosi con alcune scuole turche, polacche, rumene, cecoslovacche e due scuole italiane di Napoli e Messina.

"Abbiamo parlato in inglese e utilizzando il twinspace ovvero uno spazio social protetto dove pubblicare i nostri prodotti multimediali, chattare, incontrare virtualmente i nostri compagni europei – raccontano gli stessi studenti –. Grazie al progetto "Have fun with words" molti di noi sono riusciti a migliorare le proprie capacità tecnologiche e hanno acquisito più sicurezza nell’esprimersi in inglese: ci ha aiutati a superare il timore di commettere errori".

La proposta lanciata dalle professoresse Laura Ruggiero e Cristina Parenti, docenti di inglese che puntano a una didattica delle lingue straniere attiva, è stata accolta dapprima con un po’ di spavento: "Non avevamo idea di come sarebbe stata questa nuova esperienza di studio da realizzare insieme a partner così lontani da noi – ricordano gli studenti delle prime –. Alla fine si è rivelata un’avventura nuova e divertente: abbiamo fatto tante conoscenze, lavorato al computer a casa e a scuola e così facendo abbiamo imparato ad utilizzare e a scoprire nuovi programmi digitali e app anche molto difficili. Sono nate anche nuove amicizie, oltre a migliorare il nostro livello di inglese senza utilizzare il libro di testo".

È stato anche un modo, dicono, "per sentirsi più vicini ai nostri partner europei soprattutto dopo questa terribile pandemia che ci ha resi tutti molto tristi e isolati. Insomma, questa esperienza di gemellaggio europeo è stata meravigliosa, non vediamo l’ora di rifarla anche l’altro prossimo e consigliano ad altre scuole di sperimentarla".