Firenze, 16 luglio 2020 - Accertamenti sulla morte di un uomo di 62 anni, Fulvio Dolfi, ex calciante del calcio storico con gli azzurri, che è stato trovato cadavere in un appartamento di via Rocca Tedalda, nella zona sud di Firenze. Ha ferite all'addome e secondo le prime ipotesi sarebbe stato accoltellato. Per questo si ipotizza anche l'omicidio. L'uomo sarebbe stato colpito con alcune decine di coltellate.

 E' intervenuta la polizia, anche con la sezione scientifica. Sul posto la sezione Volanti del dottor Di Martino insieme alla Squadra Mobile con il dirigente Antonino De Santis e il capo della sezione Omicidi  Bruno Toma. Con loro vigili del fuoco e sanitari del 118. Al momento restano aperte tutte le ipotesi sulle cause della morte. L'appartamento si trova in un condominio di edilizia popolare, al secondo piano.

Abitava da un paio di anni in quell'appartamento. I vicini non lo vedevano da un paio di giorni. L'uomo è stato trovato riverso per terra ed era già morto. All'inizio si è pensato a un malore, poi però, la scoperta di quelle ferite all'addome. L'uomo potrebbe aver aperto al suo assassino. Non ci sono infatti segni di effrazione alla porta. 

La salma è stata trasferita all'Istituto di medicina legale per l'autopsia.  La morte dell'uomo potrebbe risalire ad alcuni giorni fa, almeno tre o quattro. A dare l'allarme è stata una vicina di casa, insospettita dall'abbaiare continuo e dall'atteggiamento anomalo dei suoi cani, che rivolgevano i loro latrati alla porta di casa del 62enne. Le indagini sono coordinate del pm Fabio Di Vizio e vengono condotte dalla squadra mobile di Firenze.