BARBARA BERTI
Cronaca

Mondo Convenienza. Tra azienda e SiCobas è muro contro muro

Il sindacato: "Aggrediti due lavoratori" La Rl2: "Ricostruzione fantasiosa". E’ scontro anche sulle modalità di calcolo dell’indennità di trasferta.

Mondo Convenienza: è muro contro muro tra azienda e SiCobas. La vertenza del colosso dei mobili low cost segna un’altra giornata di ’fuoco’, iniziata con un tavolo istituzionale in Regione e conclusa con una presunta aggressione ai danni di alcuni lavoratori al presidio di via Gattinella a Campi.

Ieri mattina, a palazzo Strozzi Sacrati, si è svolto il tavolo regionale sulla vertenza appalti di Mondo Convenienza a cui hanno preso parte la Regione, il Comune di Campi, Mondo Convenienza, Rl2 (l’azienda che ha in appalto il servizio di trasporto, montaggio e facchinaggio), Cgil e SiCobas (quest’ultimi hanno allestito un presidio pacifico sotto il palazzo). Durante l’incontro - come recita la nota congiunta di Regione, Comune e Cgil, Filt e Filcams - "si è preso atto del ripristino della legalità nella gestione dei rapporti di lavoro con riferimento alle richieste già manifestate dai rappresentanti dei lavoratori al tavolo nei precedenti incontri. Restano aperte alcune questioni, su tutte i licenziamenti, sui quali il tavolo intende continuare a lavorare". A livello nazionale, infatti, si è aperto un confronto tra azienda e sindacati confederali che sta andando verso l’applicazione del contratto della Logistica. Nell’ambito di questo percorso, dallo scorso 1 ottobre è già stato superato il Regolamento aziendale e con esso "l’abolizione delle deroghe al contratto vigente quali, per esempio, quelle su ferie, permessi e malattia". L’azienda ha dichiarato la sua disponibilità a riassorbire a tempo indeterminato i lavoratori licenziati chiedendo, però, lo stop dei blocchi "illegali" davanti al magazzino. "La continuazione dei blocchi non consentirà l’auspicata ripresa dell’operatività del magazzino e metterà a serio rischio il prosieguo del servizio e, di conseguenza, la tutela di molti posti di lavoro sul territorio, una scelta scellerata da parte dei SiCobas" sostiene Mondo Convenienza.

Al tavolo è stato annunciato anche l’introduzione di un meccanismo di rilevazione delle presenze: nello specifico un foglio firma sarà posto nella sede aziendale e accessibile ai lavoratori così da consentire la firma di entrata e di uscita e rilevare eventuali straordinari. In questa fase transitoria (dal contratto Multiservizi a quello della Logistica) l’azienda regolerà l’indennità di trasferta con il principio del pagamento su base giornaliera, cioè fin dal primo giorno e per tutti i giorni lavorati, diversamente da quanto avvenuto fino a oggi (e come già applicato in altri magazzini di Mondo Convenienza). Ma sulle modalità di calcolo dell’istituto della trasferta i SiCobas sostengono che resta "il sistema ricattatorio della trasferta". Su questo punto il tavolo si è arenato anche perché i SiCobas se ne sono andati asserendo che "i soliti caporali della Rl2 hanno aggredito i due lavoratori rimasti al presidio di via Gattinella". Fatto smentito categoricamente da Rl2 che parla di "ricostruzione fantasiosa" mentre "la verità è che non è accaduto nulla, come hanno confermato le forze dell’ordine intervenute: un semplice diverbio tra lavoratori del sito è stata la perfetta scusa del sindacato per abbandonare il tavolo in Regione".

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro