Mattarella inaugura la Fondazione Bargellini, ma la nipote Sara Funaro non ci sarà. “Evito strumentalizzazioni”

L’assessora e candidata sindaca non parteciperà alla cerimonia in ricordo del nonno, il sindaco delll’alluvione

Piero Bargellini (Archivio New Press Photo)
Piero Bargellini (Archivio New Press Photo)

Firenze, 6 febbraio 2024 – Tra i vari impegni fiorentini, l'8 febbraio il presidente della Repubblica Sergio Mattarella parteciperà anche all'inaugurazione della Fondazione intitolata a Piero Bargellini, il sindaco che affrontò l'emergenza dell'alluvione di Firenze del 1966. Una cerimonia alla quale non sarà presente Sara Funaro, nipote di Bargellini, che è assessora di Palazzo Vecchio e candidata per il Pd a sindaco della città.

Lo ha reso noto la stessa Funaro dopo che esponenti politici, spiega, «hanno provato a strumentalizzare» la sua partecipazione, per la presenza del Capo dello Stato, a scopi elettorali. «Giovedì - così nella nota che ha diffuso - avrei partecipato all'inaugurazione come nipote insieme a mio fratello, ai miei cugini e a tutti i parenti, per la gioia personale e familiare di questo momento. Per evitare ulteriori polemiche pretestuose e inutili strumentalizzazioni ho deciso di non essere alla cerimonia, nell'ambito della quale non era mai stato previsto un mio intervento». Funaro, che precisa di non aver alcun «ruolo attivo nella Fondazione» ha maturato la decisione di non essere presente «Per il profondo rispetto che nutro nei confronti del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, per la memoria di mio nonno e per il grande amore che ho per lui». L'inaugurazione «non deve prendere neanche lontanamente il sapore di una dialettica strumentale, da campagna elettorale, che di politico ha ben poco. Perché la politica, almeno per me, è ben altro».

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro