Lorenzo Orsetti
Lorenzo Orsetti

Firenze, 18 marzo 2019 - «Heval Tekosher», il 'lottatorè: è questo il nome di battaglia di Lorenzo Orsetti, fiorentino, che l'Isis ha annunciato di aver ucciso sul campo di battaglia a Baghuz in Siria. L'uomo, nato a Firenze 32 anni fa, era tra i «sei italiani, comprese due donne», al fianco delle «Unità di protezione del popolo (Ypg)», come scriveva nel febbraio scorso Fausto Biloslavo nel sito 'Occhi della Guerrà, dopo averlo intervistato a Tell Tamer, in Siria.

«Al momento non prevedo di rientrare, ma se dovessero accusarmi di qualcosa rispondo che sono fiero di quello che sto facendo in Siria. Sono pronto ad assumermi le eventuali conseguenze», diceva Orsetti rispetto alla possibilità di finire nel mirino degli inquirenti una volta tornato in Italia.

Nell'intervista, Orsetti viene mostrato anche in foto, con indosso una tuta mimetica e con accanto un fucile automatico kalashnikov. Viene descritto come un «anarchico» che «combatte da un anno e mezzo contro i turchi e le bandiere nere» dell'Isis. La lotta contro i jihadisti dello Stato islamico Orsetti la definiva «dura», aggiungendo che «un paio di volte sono quasi riusciti ad accerchiarci. Nel deserto hanno contrattaccato e travolto le nostre postazioni. Quando iniziano a morirti i tuoi compagni accanto, soprattutto per le mine e i cecchini, non lo dimentichi. Adesso molti miliziani stranieri si arrendono, ma spesso si sono fatti saltare in aria quando non avevano vie di scampo».

«Lo Stato islamico - affermava - è un male assoluto. Questa è una battaglia di civiltà»