Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
15 mag 2022

Terremoto in Toscana, la terra continua a tremare. "L’unica difesa sono edifici sicuri"

Sono attesi nuovi sismografi per monitorare lo sciame. L’esperto: "Zone già colpite. nel 1959 con gravi danni"

15 mag 2022
manuela plastina
Cronaca
featured image
Terremoto, l'intervento dei vigili del fuoco
featured image
Terremoto, l'intervento dei vigili del fuoco

Impruneta (Firenze), 15 maggio 2022 - Piccole scosse continuano a interessare il Chianti, tutte con epicentro tra San Casciano, Impruneta e Greve. Tra la notte tra venerdì e sabato e la mattinata di ieri, i sismografi ne hanno registrate 4, tutte sotto i 2 gradi. Continua la paura e qualcuno preferisce ancora dormire in camper o nelle meno comode auto. "Stiamo monitorando la zona attentamente – spiega il professor Gilberto Saccorotti, ricercatore dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia -. Già dall’indomani della prima scossa, abbiamo aggiunto 3 sismometri attorno all’epicentro e altri ne arriveranno nei prossimi giorni".

Si tratta, spiega l’esperto, di strumenti con una precisione di millesimi di millimetri: per questo devono essere collocati in zone ben precise attorno all’epicentro, dove non vi siano altre sorgenti di vibrazione come strade o attività umane o anche il fruscio degli alberi, protette da attacchi vandalici, raggiungibili da segnale Gps per ricevere i dati dei satelliti e con copertura di rete telefonica. "Grazie alla disponibilità dei cittadini, siamo riusciti a trovare luoghi idonei in proprietà private" dice Saccorotti. Perché uno sciame sismico proprio in questa zona? Difficile dirlo, ammette il professore.

"Tutta questa parte di Toscana è suscettibile a livello sismico. Evidentemente c’è una zona di debolezza con cedimento delle faglie. A differenza di altri luoghi, come il Mugello, dove in alcuni punti le faglie affiorano in superficie, qui l’attività si svolge a 8-10 chilometri di profondità". L’allarme tra la popolazione è giustificabile, "ma la consapevolezza del rischio dovrebbe esserci sempre – suggerisce il ricercatore -, non solo durante l’evento. Invece abbiamo la memoria breve: per esempio ci siamo dimenticati delle scosse del 1959 proprio in questa zona, con magnitudo 4,6-4,8 che provocarono vari danni. Il modo migliore per tutelarsi è lavorare sulla tenuta strutturale degli edifici". Il professor Saccorotti sarà tra i relatori dell’incontro pubblico di martedì alle 18 nel palazzo comunale di Bagno a Ripoli sulla sismicità nel territorio fiorentino. Partecipano anche il professor Elvezio Galanti, già direttore del Dipartimento nazionale di protezione civile, il geologo Leonardo Ermini della protezione civile metropolitana e Roberto Fanfani, responsabile comunale di protezione civile.

 

 

Fotocronache Germogli
Fotocronache Germogli
Fotocronache Germogli
Fotocronache Germogli
Fotocronache Germogli
Fotocronache Germogli
Fotocronache Germogli
Fotocronache Germogli
Fotocronache Germogli

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?