La denuncia dei 5 Stelle sulla Giotto: "Cantiere pericoloso per i bimbi"

Ma l’assessora Funaro rassicura: "Lavori schermati, presi tutti gli accorgimenti"

La denuncia dei 5 Stelle sulla Giotto: "Cantiere pericoloso per i bimbi"
La denuncia dei 5 Stelle sulla Giotto: "Cantiere pericoloso per i bimbi"

"Folate di polvere durante l’orario di lezione e passaggi impervi sia dentro che fuori la scuola per bambini e genitori. Un problema serio preso con troppa leggerezza da parte del Comune di Firenze", ha dichiarato Roberto De Blasi, capogruppo del Movimento 5 stelle in Palazzo Vecchio in merito alla scelta da parte del Comune di avviare i lavori di adeguamento e messa a norma della scuola d’infanzia e primaria Giotto, a Campo di Marte, in concomitanza con l’inizio delle lezioni. "Un mega cantiere che occupa mezza facciata sul lato di via Tommaso Campanella e il lato di via Capodimondo, costringe bambini e genitori a camminare sulla corsia preferenziale dell’autobus in mezzo alla strada". Durante il Question time il consigliere grillino ha anche messo in evidenza come a causa del cantiere "è a rischio l’incolumità dei nostri ragazzi che respirano polveri ma che non riescono neanche a concentrarsi per i rumori. I cartelli apposti all’ingresso della scuola dichiarano che i lavori dovevano partire l’8 agosto e non un mese più tardi, come in realtà è avvenuto, ma quello che stupisce – dichiara l’ex candidato sindaco in Palazzo Vecchio - è la totale mancanza di progettualità da parte dell’amministrazione quando si parla di lavori che coinvolgono un bene collettivo quale la scuola e intere famiglie".

A questo proposito l’assessore Sara Funaro ha risposto che "il cantiere riguarda il rifacimentod elle facciate e chi frequenta quella scuola lo sapeva perché era tempo che bisognava intervenire. Avevamo concordato il cronoprogramma con la stessa scuola per evitare di interferire con i centri estivi che lì vengono organizzati ma si sono ingenerati dei ritardi dovuti a vari fattori, come il reperimento dei materiali e dei ponteggi". per quanto riguarda l’incolumità degli studenti, l’assessore assicura "che non sussistono perché si tratta di lavori schermati. Sono stati inoltre presi tutti gli accorgimenti possibili per evitare ogni interferenza con le attività scolastiche".

A.P.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro