Impruneta Futura riparte da Biagiotti

Dopo il passaggio al gruppo misto di due consiglieri, la lista 'Impruneta Futura' difende l'operato e l'onorabilità del gruppo, sottolineando il focus sul programma e il servizio alla comunità.

Impruneta Futura riparte da Biagiotti

Impruneta Futura riparte da Biagiotti

Dopo il passaggio al gruppo misto di due consiglieri su tre (Sabrina Merenda e Tommaso Orlandini), la lista ’Impruneta Futura’ riparte dal nuovo capogruppo (e unico membro) David Biagiotti, difendendo "l’onorabilità del nostro gruppo, calpestata e schernita in più di una circostanza".

Si difendono dalle critiche degli ormai ex colleghi: "La nostra lista resta civica, pur accettando il supporto esterno di partiti, ma senza simboli". Chi li accusa di aver voluto imbavagliare opinioni personali, "spieghi come è stato possibile in che più occasioni i nostri tre consiglieri abbiano espresso voti diversi sugli atti. Abbiamo fatto della serietà la nostra cifra: per noi al centro della nostra azione in consiglio sta il programma, premiato da 2049 voti e che per un soffio non ci ha visti vincitori alle elezioni. La nostra azione in consiglio è sempre stata nell’ottica di apportare un beneficio alla comunità".

Tutti noi, dicono, "lavoriamo per rendere un servizio alla comunità, tramite autofinanziamento, sia in termini economici che di tempo e di energie". Se qualcuno non è d’accordo, "era più logico dimettersi, come ha fatto il nostro candidato sindaco (Matteo Aramini, ndr) che ha scelto un’altra strada. I due consiglieri che hanno scelto di lasciarci, mettono al centro se stessi. Non si trovino altre scuse, se non quelle personali".