EVA DESIDERIO
Cronaca

Gucci scommette ancora sull’Italia De Sarno è il nuovo direttore creativo

Il presidente Bizzarri: "Il suo grande talento ci porterà sempre più in alto"

Migration

di Eva Desiderio

Da oggi, dopo l’annuncio ufficiale da parte di Kering e Gucci del nome del nuovo direttore creativo del brand, Sabato De Sarno (foto), studi e giovinezza a Napoli e poi a Milano, 39 anni e lunga esperienza nel settore moda e lusso (inizio in Annapurna marchio del cashmere di lusso con sede a Prato, in Prada, Dolce e Gabbana e fino a pochi giorni fa Valentino), tutti ora lo aspettano a Firenze. Perchè la nostra città sarà la prima tappa d’obbligo per lo stilista che succede ad Alessandro Michele che ha guidato il brand dal 2015 al novembre 2022. De Sarno – che risponderà direttamente al presidente e ceo di Gucci Marco Bizzarri che lo ha scelto come aveva già fatto con Michele come nome conosciuto nel fashion ma sconosciuto al mondo perché sempre col ruolo di primo assistente (l’ultimo incarico come braccio destro di Pierpaolo Piccioli da Valentino che ha lasciato con la sfilata di haute couture di mercoledì a Parigi dopo vari incontri con Bizzarri che lo ha assunto per bravura e talento) – dovrà cominciare ad entrare nel mondo di Gucci dalla scoperta di Firenze, dove tutto è cominciato nel 1921 con Guccio Gucci. E dove con Alessandro Michele si è radicato ancora di più con l’apertura del Gucci Garden di piazza Signoria e quella dell’Archivio Gucci in via delle Caldaie. Per non parlare della sfilata alla Galleria Palatina e della visita della sede storica di Casellina, con 1000 dipendenti. Poi toccherà ai graffiti che ornano il favoloso Gucci ArtLab con altre 1000 persone impegnate solo nella produzione di prototipi e ricerche di materiali e stile per pelleria e calzature in via delle Nazioni Unite a Scandicci.

"Sono molto felice di aver scelto Sabato De Sarno – dice al nostro giornale il presidente Bizzarri –, è un vero talento che porterà il brand Gucci sempre più in alto inaugurando un nuovo corso per l’azienda. E sono orgoglioso che il nostro nuovo direttore creativo sia italiano. Porta con sé un’esperienza di rilievo e sono certo che guiderà il team creativo con una visione distintiva rafforzando l’autorità di Gucci nel campo della moda e capitalizzando il suo heritage indiscusso".

Sabato esplorerà l’Archivio Gucci per vedere da vicino nei segreti di eccellenza di un marchio che negli ultimi anni ha venduto fino a 10 miliardi di euro, un fatturato galattico che lo rende immenso e tra i primi al mondo.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro