I "Giovani del Valdarno" vanno avanti nella loro ferma volontà di essere sempre più europei: lanciano al Comune la proposta di aderire alla Rete nazionale italiana Eurodesk. La rete istituita dall’Unione europea per rendere realizzabile la mobilità educativa per l’apprendimento dei ragazzi, dicono, "può essere lo strumento adatto per prepararsi per tempo a valorizzare i fondi dell’Ue per i giovani.

In Italia, la rete nazionale opera per implementare i quattro cardini: promuovere, informare, orientare e progettare per una partecipazione attiva dei giovani nella società e la loro migliore occupabilità nel mercato del lavoro. "Il Comune di Figline e Incisa potrebbe essere il primo della provincia a aderire alla Rete nazionale italiana Eurodesk – dicono i Giovani del Valdarno –. Noi ci rendiamo disponibili a far conoscere il servizio ai diretti interessati e a collaborare nella gestione".