Giochi di Parigi, c’è tanta Firenze. Gli atleti che sognano una medaglia. Il gigante Fabbri il più atteso

Dodici i fiorentini convocati per le Olimpiadi nella capitale francese: tanto nuoto, ma anche atletica . In sette alla prima partecipazione, mentre Michel Stecchi e Gabriele Rossetti tentano un’altra impresa.

Giochi di Parigi, c’è tanta Firenze. Gli atleti che sognano una medaglia. Il gigante Fabbri il più atteso

Giochi di Parigi, c’è tanta Firenze. Gli atleti che sognano una medaglia. Il gigante Fabbri il più atteso

di Franco Morabito

È una squadra da record quella che dal 26 luglio all’11 agosto rappresenterà l’Italia ai Giochi olimpici di Parigi: 403 atleti, 19 in più rispetto all’edizione di Tokyo 2021. Anche la Toscana, con 39, fa la sua parte, terza regione in Italia dopo Lombardia e Lazio. E Firenze è ancora una volta leader fra tutte le province, con 12 sportivi: 7 uomini e 5 donne. I più rappresentati sono gli sport d’acqua (7): nuoto, nuoto di fondo e pallanuoto, e l’atletica (4), a conferma di una tradizione che ci vede da sempre protagonisti in queste discipline. L’altro sport che vedrà un fiorentino in gara a Parigi è il tiro a volo. A pochi giorni dal via molti di loro sono già a Parigi per testare gli impianti, altri invece sono nei raduni collegiali per le ultime rifiniture. Ma vediamo da vicino chi sono i nostri eletti, sette dei quali sono al debutto mentre gli altri cinque vantano già esperienze olimpiche.

Partiamo dalla pallanuoto, con Caterina Banchelli, 23 anni, portiere titolare del Setterosa. È nata e cresciuta alla Rari Nantes Florentia anche se attualmente indossa la calottina della Sis Roma. Questa sarà la sua prima Olimpiade, ma in carriera vanta già un bronzo iridato a Fukuoka 2023 e un altro europeo a Spalato un anno prima.

Il portabandiera del nuoto gigliato è il ventinovenne-pittore Lorenzo Zazzeri, altro atleta della Rari che, dopo aver vinto a Tokyo l’argento nella 4x100 stile libero – prima volta in cui la nostra staffetta è salita sul podio olimpico –, a Parigi punterà alla medaglia d’oro.

Gli faranno compagnia altri tre possibili protagonisti: il ventisettenne Filippo Megli, quinto a Tokyo tre anni fa, campione d’Europa nella 4x100 e vice nella 4x200 sl; Leonardo Deplano, 24 anni, anche lui campione d’Europa in carica, e alla sua prima Olimpiade, come Matilde Biagiotti, già plurimedagliata ai Mondiali ed Europei juniores, che, nata a Bagno a Ripoli 18 anni fa, è la più giovane di tutta la spedizione toscana.

Nel nuoto di fondo, infine, abbiamo due rappresentanti, entrambe al debutto olimpico: Giulia Gabbrielleschi, 27 anni, terza quest’anno agli Europei sui 10 chilometri, e la coetanea Ginevra Taddeucci di Lastra a Signa, oro mondiale un anno fa sui 6 chilometri e argento agli Europei di Roma sulla distanza olimpica dei 10.

L’altro pezzo forte della nostra pattuglia è l’atletica, con due azzurri che svettano: Leonardo Fabbri, 27 anni di Bagno a Ripoli, il gigante azzurro della Firenze Marathon nel peso, fresco campione d’Europa e recordman italiano con 22,95, e la lunghista Larissa Iapichino, 22 anni non ancora compiuti, figlia d’arte di mamma Fiona May, due volte argento olimpico, come lei nel lungo, e papà Gianni, ex primatista italiano nell’asta.

Completano il quartetto l’ex calciatore Andrea Cosi, al debutto olimpico nella 20 chilometri di marcia, e il "veterano" trentaduenne di Bagno a Ripoli Claudio Michel Stecchi, nel salto dell’asta. L’ultimo, ma fra i più titolati del gruppo, è Gabriele Rossetti, 29 anni, campione olimpico a Rio 2016, plurimondiale ed europeo nello skeet, specialità del tiro a volo, che alla sua terza partecipazione a cinque cerchi ha ancora le carte in regola per salire sul podio.